Indietro
menu
rafforzare confronto

Ceccarelli: preservare turismo di qualità, combattendo illegalità

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 12 ago 2021 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’industria del turismo e dell’accoglienza è uno dei punti di forza del nostro territorio e dovrà continuare ad esserlo con il costante potenziamento del modello che caratterizza il tessuto imprenditoriale locale: servizi competitivi, valorizzazione del territorio, capacità progettuale, innovazione e formazione di personale qualificato. Questo è l’obiettivo primario che mi pongo come prossimo sindaco di Rimini”. A dirlo il candidato sindaco dell’area di centrodestra, Enzo Ceccarelli, sollecitato dalle riflessioni dei sindacati preoccupati per il lavoro illegale che trova ampio spazio nel comparto turistico.

Certamente – afferma Ceccarelli –  i lunghi mesi di emergenza sanitaria hanno determinato cospicui danni al settore turistico e a molti imprenditori. La crisi ha accentuato la possibilità di infiltrazioni malavitose in un tessuto altrimenti sano. Si registrano situazioni di illegalità che hanno ricadute negative sugli imprenditori onesti e sui lavoratori e che, se non contrastate, potrebbero nuocere all’intero comparto. Servizi di scarsa qualità, concorrenza sleale e sfruttamento dei lavoratori non sono un biglietto da visita degno della nostra tradizione. Per questo ho apprezzato il senso del comunicato stampa diffuso dalle Federazioni provinciali riminesi dei lavoratori del commercio, turismo, servizi”.

L’ imperativo è salvaguardare il tessuto sociale e economico locale da quei ‘cattivi’ imprenditori o, meglio, ‘predatori’ che sfruttano il momento solo per fare cassa, calpestando i diritti dei lavoratori e danneggiando i veri imprenditori del settore con offerte al ribasso che squalificano il nostro prodotto turistico. Fra i punti qualificanti della nostra proposta per amministrare Rimini c’è, a questo proposito, il confronto costante con le diverse associazioni di categoria, gli operatori, le forze dell’ordine e le organizzazioni sindacali per riorganizzare quella rete di salvaguardia e di tutela della nostra economia e dell’immagine della nostra città da fattori estranei che potrebbero lederne il posizionamento di eccellenza sul mercato internazionale”.