Indietro
lunedì 27 settembre 2021
menu
Olimpiadi Tokyo 2020

Tiro a volo: per la medagliata Perilli e Berti sabato il mixed team

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
ven 30 lug 2021 13:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Gli occhi del mondo su San Marino dopo la prima medaglia alle Olimpiadi conquistata dalla delegazione del Titano con Alessandra Perilli nel tiro a volo femminile, specialità trap. Il più piccolo Stato del mondo sul podio dei Giochi della 32a Olimpiade è stato celebrato dai network internazionali con largo spazio e interviste che hanno trasmesso orgoglio ed emozioni per l’impresa.

Perilli, 33 anni, alla 3a avventura olimpica, si è presa la rivincita ricordando Londra 2012 con quei due spareggi per la medaglia andati male, e la disavventura di Rio 2016 quando non riuscì a entrare in finale. Stavolta ha ottenuto il podio suscitando tanta ammirazione, peraltro nell’alta considerazione che il tiro a volo internazionale le ha sempre riconosciuto.

I presidenti federali, a cominciare da Luciano Rossi della plurimedagliata Federazione italiana, si sono complimentati con lei e con Gian Primo Giardi, presidente del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese (Cons), per lo storico risultato che in Repubblica è stato salutato dalle istituzioni, con i Capitani Reggenti Gian Carlo Venturini e Marco Nicolini, e il Congresso di Stato, con il Segretario allo Sport Teodoro Lonfernini, e dagli sportivi con un particolare coinvolgimento emotivo e di soddisfazione. Le emozioni sono state trasmesse anche dai familiari di Alessandra, da mamma Grazia e papà Claudio, il compagno Alessio Pinotti e il figlio Maykol, che hanno esposto una grande bandiera biancazzurra, la stessa portata a Londra nel 2012.

In 15 partecipazioni ai Giochi, dal 1960 e con l’esclusione del solo appuntamento di Tokyo 1964, con 114 atleti schierati, proprio in Giappone è arrivata la medaglia che ha proiettato San Marino in quel momento al 59° posto entrando per la prima volta nel medagliere, quasi a voler ricordare per nulla casualmente, a distanza di 62 anni, il 59 dell’anno di fondazione del Cons.

Ora Alessandra Perilli non si vuole fermare e si è rimessa subito al lavoro con gli allenamenti, stavolta con Gian Marco Berti per la gara di mixed team in programma al poligono di Asaka domani, sabato 31 luglio, dalle 9 (2 ora italiana). La coppia Perilli-Berti non è soltanto ottimamente assortita e con un consolidato feeling, come dimostrano i risultati internazionali conseguiti, ma può giovarsi del morale altissimo. Anche Berti, alla sua prima Olimpiade, è stato infatti protagonista di una brillante performance con 121 piattelli colpiti su 125 nelle 5 serie di qualificazione, mancando per un piattello l’accesso allo spareggio per la finale a 6.

L’AMBASCIATORE DI SAN MARINO IN GIAPPONE, MANLIO CADELO: “FELICE E ORGOGLIOSO PER LA MEDAGLIA, BRAVA ALESSANDRA”

Si è emozionato l’ambasciatore di San Marino in Giappone, Manlio Cadelo, quando oggi ha ricevuto nella sede di Tokyo il segretario generale del Comitato Olimpico Nazionale Sammarinese (Cons), Eros Bologna, al quale ha esternato tutta la soddisfazione e l’entusiasmo per la conquista della medaglia di bronzo da parte di Alessandra Perilli nel trap femminile.

Dopo le prime parole al telefono al termine della gara con il presidente del Cons, Gian Primo Giardi, l’ambasciatore Cadelo ha voluto inviare un saluto a tutti i sammarinesi: “Sono felice e orgoglioso per la medaglia e saluto Alessandra Perilli al quale dico brava, rivolgendole ogni ringraziamento per questa impresa sportiva. Credo che sia una soddisfazione vissuta e condivisa da tutti i sammarinesi e penso anche che si possa sognare ancora nelle gare da affrontare, dal tiro a volo con la stessa Perilli e Gian Marco Berti alla lotta libera con Myles Nazem Amine Muraloni. San Marino ha ottenuto un risultato storico ed è soltanto l’inizio. Avevo sensazioni positive fin da quando ho incontrato le massime istituzioni e il presidente del Comitato Olimpico. Ora saremo di nuovo protagonisti e chissà che possano arrivare altre soddisfazioni, bisogna sempre crederci”.

Altre notizie
di Icaro Sport
FOTO
di Icaro Sport
FOTO
Notizie correlate
di Icaro Sport