Indietro
menu
I controlli del Carabinieri

Sfilano le collanine a giovani turisti: denunciate tre minorenni

In foto: un controllo dei Carabinieri
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 11 lug 2021 11:35 ~ ultimo agg. 15:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ci sono anche tre ragazze minorenni originarie della provincia di Milano e Bergamo tra le sette persone denunciate dai Carabinieri della Compagnia di Rimini nei controlli del fine settimana. Sono state fermate dai militari della Sezione Radiomobile del NOR: sono state fermate subito dopo avere sfilato con la tecnica dell’abbraccio due collanine indossate da due ragazzi di origine romana in vacanza e denunciate per furto aggravato

Nel servizio coordinato sono stati effettuati: 25 posti di controllo effettuati lungo le arterie stradali e nei pressi dei luoghi di maggiore aggregazione di massa; 113 persone controllate ed identificate; 76 mezzi fermati e sottoposti a controllo; sono state controllate otto pallinari e sedici prostitute. Dette persone sono state oggetto di provvedimenti di polizia.

I Carabinieri hanno arrestato un tunisino di 23 anni, già sottoposto agli arresti domiciliari, in ottemperanza all’ ordinanza di aggravamento di misura cautelare emessa dal Gip del Tribunale di Rimini. Il provvedimento scaturisce a seguito delle reiterate violazioni degli obblighi a lui imposti dalla misura cui era sottoposto, segnalate all’A.G. dai Carabinieri della Stazione di Rimini Porto.

Le altre denunce riguardano due coinquilini riminesi di 50 anni: a seguito di perquisizione domiciliari effettuata presso la loro residenza sono stati trovati in possesso di complessivi grammi 174 di hashish e 3,4 di marijuana.
Due denunce in stato di libertà per porto di armi ed oggetti atti ad offendere: un  marocchino di 35 anni e un brasiliano di anni 46, entrambi in Italia senza fissa dimora, a seguito di un controllo in viale Regina Elena sono risultati inottemperanti all’ordine del Questori di Rimini di lasciare il territorio Nazionale.

Notizie correlate