Indietro
menu
La nota dell'amministrazione

Polisportiva chiede 2,5 milioni. Il comune: richieste irricevibili. Cambio gestione?

In foto: Lo Stadio del Nuoto di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 21 mag 2021 14:24 ~ ultimo agg. 22 mag 12:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Uno scontro sempre più acceso tra comune di Riccione e polisportiva comunale. L’amministrazione, in una nota, fa sapere che la Polisportiva ha fatto pervenire una lettera del proprio legale nella quale “ha comunicato la volontà di valutare il recesso dalla Convenzione di gestione dello Stadio del nuoto a fronte del pagamento da parte dell’Ente pubblico di 2 milioni e 500 mila euro“. La richiesta, si legge nella nota, “è giunta in seguito alle numerose contestazione formulate dal Comune di Riccione in merito a manutenzione straordinaria del tetto (447.000 euro che Polisportiva deve in quando soccombente nell’accertamento tecnico preventivo) alla mancata consegna di fideiussione per 200.000 euro (a garanzia della quale mancata consegna si tratterranno pari importo di canone) alla mancata regolarizzazione del Piano di Gestione, oltre alla mancata revisione dei conti dal 2017. Tutte siffatte condizioni, non si sono mai realizzate“. L’amministrazione rende noto che “nella medesima missiva, la Polisportiva ha avanzato la richiesta di una revisione delle condizioni generali di accordo con il Comune, con la precisa richiesta di 80 mila euro annui in più e soprattutto la ridefinizione dei progetti per la scuola, le attività della terza età e per disabili. Come è noto, il contributo pubblico (265 mila euro) che ogni anno l’amministrazione ha versato alla Polisportiva è un investimento di denaro pubblico a fronte di servizi alla comunità come sono appunto i corsi per le scuole, la terza età e i disabili. Quindi condizioni non negoziabili sulla base della Convenzione, documento fondante la concessione di gestione dello Stadio del Nuoto, che regolarizza e legalizza il rapporto tra Ente pubblico e società privata. Tali servizi alla comunità, intesi come servizi pubblici, costituiscono il motivo per cui il Comune di Riccione versa il contributo alla Polisportiva altrimenti ingiustificabile (265 mila euro)”.

Richieste che l’amministrazione definisce “irricevibili, “in quanto non permetterebbero di dare risposta con la piscina alle fasce più deboli della società, l’amministrazione comunale con rammarico ha dovuto anche constatare la totale indisponibilità agli incontri organizzati dal Comune per una bonaria definizione delle questioni pendenti, avendo il presidente del Cda della Polisportiva, disertato ben tre appuntamenti senza motivazione“.

Secondo il comune, l’unica ipotesi percorribile è “accettare la volontà della Polisportiva di uscire dalla gestione della piscina.”

L’amministrazione avanza poi alcune ipotesi sui recenti fatti. “Pare evidente – scrive – che fin dall’inizio delle uscite pubbliche e recriminazioni, l’intento del presidente della Polisportiva fosse quello di recuperare denaro pubblico per coprire la montagna di debiti risalenti almeno a diversi anni fa (Bilancio 2019 totale 2 milioni 546 mila euro di debiti acquisiti)“.

Una situazione “che non avremmo mai voluto affrontare” spiega l’amministrazione precisando “che il nostro intento è quello di rassicurare e garantire ai riccionesi ogni azione per preservare la piscina di Riccione, garantendo appunto che non sarà mai chiusa. Così come è già stato per il PlayHall salveremo la piscina!

Notizie correlate