Indietro
lunedì 14 giugno 2021
menu
Calcio Giovanile

L'Atalanta insieme ad Esordienti e Pulcini della Polisportiva Riccione Football's Future

In foto: Beccaceci, i tecnici e i bambini della Riccione Football's Future
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 6 mag 2021 12:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il futuro dell’Atalanta passa anche da Riccione. Sabato l’osservatore della squadra bergamasca per le regioni Emilia Romagna, Marche e Abruzzo, Francesco Beccaceci, ha trascorso il pomeriggio in compagnia delle squadre Esordienti e Pulcini della Polisportiva Riccione Football’s Future.

Sotto la sua visione attenta, i ragazzi si sono impegnati in entusiasmanti gare e al termine degli incontri l’osservatore atalantino si è complimentato con tutti i ragazzi e con lo staff tecnico per come vengono messe in pratica le linee guida dell’Atalanta, società con cui la Polisportiva Riccione Football’s Future è affiliata da ormai tre anni.

La visita di questo alto profilo degli osservatori della squadra bergamasca a Riccione è stata anche l’occasione per effettuare una riunione tecnica con tutto lo staff degli allenatori, per aggiornarsi su tutti gli aspetti tecnici e organizzativi del credo calcistico/formativo della società nerazzurra, fiore all’occhiello del calcio giovanile in Italia e in Europa.

“Al termine di questa visita non so dire se fossimo più contenti noi oppure l’osservatore dell’Atalanta– dice il direttore tecnico della Polisportiva Riccione Foofball’s Future, Firmino Pederiva –. Beccaceci è stato molto soddisfatto per aver trovato un ambiente sereno, ragazzi educati e felici di stare al campo, con una piena condivisione delle idee portate avanti dal settore giovanile dell’Atalanta da parte di tutto il nostro staff tecnico. Non nascondo che ha anche visto qualche profilo interessante tra i nostri giovani calciatori. Se son rose, fioriranno. Essendo noi una realtà relativamente nuova, non ha nascosto il suo stupore nel vedere il clima di amicizia e di condivisione che abbiamo creato e che abbiamo tutelato anche in questo difficile anno in cui le attività sul campo sono state giocoforza bloccate o rivoluzionate dalla pandemia. Ma ora non solo tutte le nostre squadre sono tornate al campo: da questa settimana bambini e ragazzi possono finalmente godersi anche le partitelle tra loro, che mancavano tantissimo, e speriamo presto di poter organizzare anche qualche partita amichevole anche con società professionistiche con cui abbiamo ottimi rapporti”.