Indietro
menu
voglia di normalità

Tosi contro il coprifuoco: "Uccide il turismo, da giugno basta"

In foto: il sindaco Tosi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 21 apr 2021 14:42 ~ ultimo agg. 17:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo l’assessore riminese Sadegholvaad, anche il sindaco di Riccione, Renata Tosi, interviene per scongiurare la possibilità di un’estate con il coprifuoco. Dire coprifuoco è come dire non facciamo turismo. Non serve per arginare l’epidemia, non serve per evitare gli assembramenti, non serve alla pubblica sicurezza perché si impegnerebbero così le forze dell’ordine alla verifica delle autocertificazioni, rischiando di trascurare prevenzione e sicurezza, dice il primo cittadino della Perla Verde.

“Il Governo oggi riunito a decidere le nuove regole in quelle stesse norme deve inserire una data in cui il coprifuoco verrà eliminato per sempre. Un Paese con il coprifuoco è un paese in guerra, ma oggi pare che questa nostra Italia sia in guerra solo con se stessa e gli italiani. Del resto, al ministro al Turismo, Massimo Garavaglia in visita la scorsa settimana – spiega la Tosi – abbiamo avanzato proposte ricevendo risposte di buon senso. Lo stesso ministro infatti ha detto che siamo all’inizio e le misure gradualmente verranno allentate. Bene allora se a maggio il coprifuoco deve rimanere alle 22, da giugno però  va eliminato“.

Da giugno – è l’auspicio del sindaco – basta coprifuoco che penalizza ristoratori, commercianti e pubblici esercizi in generale: “Ma a Riccione quale turista va a dormire alle 22, senza fare due passi per i negozi o prendere un gelato in passeggiata? Il dibattito parlamentare in questi giorni ha visto tanti interventi contro il coprifuoco. Mantenerlo vorrebbe dire far ammassare le persone in orari più limitati e decretare la crisi profonda e senza rimedio delle località balneari. Riccione non rinuncia neanche quest’estate ad offrire la migliore ospitalità possibile, applicando alla lettera i protocolli di sicurezza, ponendo l’attenzione massima agli ospiti e ai cittadini. Allo stesso tempo, Riccione è un brand poggiato su una laboriosa comunità che offre servizi di qualità ai turisti, a chi ci raggiunge dall’estero e dall’Italia. E’ sinonimo di apertura e di mobilità. Se finalmente lo spostamento per motivi di turismo è stato introdotto, non lo si può però zavorrare di obblighi e coprifuoco perché è disincentivante e si ottiene l’effetto contrario. Da giugno l’estate deve essere senza limiti d’orario, in sicurezza, con protocolli e buon senso“.