Indietro
menu
minori entrate per 7 milioni

Rendiconto 2020. A Riccione in equilibrio nonostante il covid

In foto: una seduta del consiglio comunale di Riccione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 28 apr 2021 14:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Minori entrate per 7 milioni di euro, ma importanti investimenti in opere pubbliche. E’ quanto emerge dal rendiconto di gestione 2020 del comune di Riccione che domani sera passerà al vaglio del Consiglio comunale domani sera. L’amministrazione spiega che nel 2020 se da una parte il Covid ha fatto sentire i suoi effetti facendo registrare minori entrate tributarie ed extratributarie per sette milioni, comunque compensate dai trasferimenti statali e regionali, dall’altra l’amministrazione ha confermato il mantenimento degli equilibri di bilancio e degli investimenti in opere pubbliche.

Tra gli interventi principali ci sono la ristrutturazione dello Spazio Tondelli (600 mila euro), il restyling passeggiata Goethe (550 mila euro), scuola Capri (un milione e 288 mila euro), scuola Panoramica (746mila euro), manutenzione straordinaria strade (1 milione e 700 mila euro), le opere relative ai centri di Buon Vicinato come quella di viale Caravaggio (130 mila euro), la rotatoria di Via Formia (64 mila euro), il prolungamento e risagomatura di Via XIX Ottobre (480 mila euro per il primo lotto), l’impianto di illuminazione di Viale Ceccarini (200 mila euro), l’avvio delle attività relativa alla costruzione della Scuola Catullo (4.344.623,35), il nuovo Museo del Territorio (circa 4 milioni) e sottopasso di viale Ceccarini.

Ci presentiamo con i conti comunali a posto e con un piano di investimenti in opere pubbliche che, nonostante il perdurare della crisi dovuta alla pandemia, ha permesso all’amministrazione di portare a casa tutti i progetti preventivati – ha detto l’assessore al Bilancio, Luigi Santi -.  Il nostro lavoro da “formichine operose” ha permesso di accantonare nei fondi previsti dalle norme statali le risorse necessarie a garanzia in tempi difficili. Il 2020 è stato senz’altro un anno difficile, primo in cui abbiamo dovuto cambiare il nostro modo di lavorare per evitare i contagi e la comunità ne ha risentito. Abbiamo messo in campo gran parte delle risorse per far crescere la città con nuovi servizi, nuove strade e nuovi quartieri, nonostante ci sia stata una forte decrescita del gettito tributario. Il nostro modo ci procedere però ci regala ancora la possibilità di arrivare a maggio 2021 con un rendiconto in equilibrio“.

Si tratta di un Bilancio che si conferma sano ed in buone condizioni, nonostante le problematiche legate al Covid che hanno avuto conseguenze importanti sui conti dei Comuni – dichiara la Responsabile dei Servizi Finanziari Cinzia FarinelliFaccio notare che questo Ente ha rispettato senza problemi la normativa in materia di accantonamenti al fondo crediti di dubbia esigibilità (pari al 100% dell’insoluto previsto) ed implementato il fondo contenzioso, elementi che garantiscono stabilità e certezza”.

Notizie correlate