Indietro
menu
tra regole e voglia di normalità

Primo sabato di zona gialla, ressa in centro all'aperitivo

In foto: l'aperitivo alla Vecchia Pescheria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 6 feb 2021 20:52 ~ ultimo agg. 8 feb 08:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è rivelato problematico il primo sabato in zona gialla a Rimini. Complici il ritorno alla normalità e la voglia (comprensibile) di uscire, il centro storico era invaso di persone. L’aperitivo, oramai anticipato di un paio d’ore a causa della chiusura dei bar alle 18, ha causato inevitabili assembramenti di giovani. Alla Vecchia Pescheria, dalle 16.30 in poi, si è formato un muro umano di ragazzi, con i locali presi d’assalto.

Tavoli esauriti, impossibile anche solo trovare un posto a sedere. Così, molti hanno deciso di consumare il drink in piedi. Gruppi di amici vicini, con il bicchiere in mano e, per forza di cose, la mascherina abbassata. Alcuni, una volta consumato il drink, però, non l’hanno rialzata sopra il naso. C’era anche chi ha provato a fare il furbetto unendo i tavolini per raggruppare l’intera compagnia di amici.

Situazioni critiche si sono vissute in piazza Malatesta, dove le forze dell’ordine sono intervenute per disperdere una trentina di ragazzini per così dire molesti e non esattamente rispettosi delle regole. Al momento non sono state comunicate sanzioni, ma per polizia, carabinieri e finanza non è stato facile gestire la marea di gente.

Insomma, scene da “liberi tutti” che faranno discutere e che contrastano con le raccomandazioni di amministratori e personale sanitario che invitano, giustamente, alla massima prudenza.