Indietro
venerdì 22 ottobre 2021
menu
FSGC

CAFE: un progetto della FSGC come modello virtuoso di accessibilità e inclusione

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 17 feb 2021 10:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Oltre 40 Disability Access Officer – di fatto le figure responsabili di progetti ed attività di inclusione ed accessibilità non solo agli impianti, ma in generale al mondo del calcio nelle rispettive circoscrizioni territoriali – hanno preso parte al terzo meeting organizzato dal CAFE (Centre for Access to Football in Europe). Tra questi anche Andrea Zoppis per la Federcalcio di San Marino.

Due giorni in collegamento remoto, durante i quali i DAOs di tutta Europa hanno potuto condividere idee, progetti e modelli virtuosi – definiti in gergo “best practices”.

Tra questi ultimi ha trovato spazio anche il progetto “Stadium for All”, finanziato congiuntamente dalla Federcalcio di San Marino e dal Programma di Responsabilità Sociale (FSR) individuato all’interno di HatTrick IV. L’obiettivo, centrato, è stato quello di rimuovere le barriere esistenti allo Stadium, in modo da offrire a qualsiasi tifoso un’esperienza appagante. Un progetto di ampio respiro, indirizzato tanto al superamento degli ostacoli fisici per tifosi con disabilità motorie (attraverso l’installazione di un ascensore che consenta l’accesso diretto agli spazi dedicati, servoscala per il raggiungimento della tribuna, servizi dedicati), quanto orientati a fornire un servizio coinvolgente per tifosi ipovedenti o non vedenti attraverso l’acquisto di attrezzatura dedicata al commento audio-descrittivo, sviluppato in seguito ad un corso ad hoc indirizzato tanto a giornalisti, quando a volontari.

“Si tratta di un progetto – sottolinea il Disability Access Officer Andrea Zoppis nato con l’intento di rendere accessibili a tutti le partite organizzate al San Marino Stadium. L’obiettivo è quello di dare l’opportunità a chiunque di godersi una partita di calcio dal vivo a San Marino, in particolare in occasione delle sfide della nostra Nazionale. Nessuno nel nostro paese deve sentirsi messo da parte. Per questo siamo grati a UEFA e CAFE per il sostegno nella fase di implementazione del progetto: intendiamo proseguire su questa linea, con ulteriori miglioramento dal punto di vista dell’inclusività tanto al San Marino Stadium quanto nel sistema calcio sammarinese in generale”.

Nel corso del meeting organizzato dal CAFE, i DAOs hanno ricevuto aggiornamenti circa le campagne e le iniziative del Centre for Access to Football in Europe, compresi i progetti relativi ad EURO 2020 e l’imminente CAFE Week of Action, che avrà luogo nella settimana del 6-14 marzo.

FSGC | Ufficio Stampa