Indietro
menu
Cantiere abbandonato

Pulizia coattiva per area Acqua Arena. Parte il penale per inottemperanze

In foto: L'intervento dello scorso febbraio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 4 dic 2020 13:29 ~ ultimo agg. 16:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
E’ scaduto domenica 29 novembre il termine ultimo previsto dall’Ordinanza Contingibile e Urgente, notificata alla Società “Acqua Arena Srl” affinché provvedesse all’eliminazione del degrado e alla messa in sicurezza dell’area “Acqua Arena” in Via della Fiera a Rimini. Un ordine che non è stato eseguito e per il quale lo scorso lunedì 30 novembre è scattata la procedura per l’esecuzione coattiva della pulizia dell’intera zona, che sarà eseguita dal Comune e poi addebitata alla società responsabile.
Oltre a rifondere le spese sostenute la Società “Acqua Arena Srl” – a seguito dell’inottemperanza – verrà segnalata alla competente Autorità Giudiziaria ai sensi dell’art. 650 c.p. Con l’esecuzione dell’ordinanza infatti, la società responsabile, oltre a liberare l’area, avrebbe trasformato la violazione penale in un semplice illecito amministrativo, cosa che adesso non potrà più avvenire in quanto andrà avanti la procedura penale prevista dal Codice dell’Ambiente per abbandono di rifiuti.

Un’area che, come segnalato dai cittadini e verificato dai tecnici, presentava condizioni fatiscenti, rifiuti in stato di abbandono ed in avanzato stato di degrado, oltre a diverse problematiche, come l’occupazione da parte di persone senza fissa dimora, e numerose problematiche legate alla sicurezza del luogo, per cui era stato necessario intervenire con sgombero delle baracche di cantiere e interventi di manutenzione.