Indietro
menu
Il monitoraggio

Il "giallo" scricchiola? Brusaferro (ISS): misure da anticipare in 4 Regioni

di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 10 nov 2020 14:37 ~ ultimo agg. 16:40
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’incidenza in Italia è di 524 casi covid per 100mila abitanti in base ai dati della settimana 26 ottobre – 1 novembre. “Ci sono differenze tra regioni ma il nostro paese eccede largamente soglia fissata a livello Ue” spiega il presidente dell’Istituto superiore di sanità, Silvio Brusaferro, parlando in particolare di quattro Regioni “che vanno verso rischio alto e nelle quali è opportuno anticipare le misure più restrittive“. Una di queste, citata spesso da Brusaferro, è la Campania mentre le altre (in base a quanto riportato da La Repubblica) dovrebbero essere Friuli, Emilia-Romagna e Veneto. Al momento a mantenerle ancora gialle è il fattore di rischio, giudicato moderato. Per tutte però sta crescendo e questo preoccupa la Cabina di regia. L’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità nella classificazione complessiva di rischio per l’Emilia Romagna parla di “moderata con probabilità alta di progressione a rischio Alto“. Un giudizio condiviso con altre nove regioni. In Emilia Romagna l’ultimo report mette in luce 879 focolai attivi (88 in più della settimana precedente); il tasso di occupazione dei posti letto covid di terapia intensiva è al 20% (dati al 3 novembre) mentre negli altri reparti al 23% con oltre il 50% di probabilità che entro 30 giorni la prima percentuale superi il 30 e la seconda il 40% di occupazione. (il monitoraggio)

L’aspetto positivo, legato alle misure adottate, è che l‘indice Rt nazionale appare stabile e la curva sta deflettendo. Ancora non abbastanza però.

 

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO