Indietro
menu
Aveva 78 anni

Si è spento don Giorgio Dell'Ospedale, il parroco degli Angeli Custodi

In foto: don Giorgio Dell'Ospedale
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 31 ott 2020 19:07 ~ ultimo agg. 1 nov 14:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è spento oggi pomeriggio don Giorgio Dell’Ospedale, il parroco degli Angeli Custodi di Riccione. Le sue condizioni, già critiche da due giorni per un’insufficienza renale, si sono ulteriormente aggravate oggi. Aveva 78 anni. Era ricoverato all’ospedale Infermi di Rimini da inizio ottobre dopo avere contratto il virus e dopo pochi giorni era stato trasferito in terapia intensiva. La dialisi di venerdì aveva lasciato intravedere qualche spiraglio ma purtroppo solo momentaneo.

I suoi parrocchiani, in preghiera incessante da due giorni, hanno ricevuto la notizia da don Alessio Alasia, durante la celebrazione della messa delle 18 alla chiesa della Pentecoste. La veglia di preghiera alla chiesa della Pentecoste proseguirà fino a tarda notte.

Nato a Montecolombo il 15 maggio 1942, era stato ordinato il 29 giugno 1967 (giorno in cui la Chiesa celebra i santi Pietro e Paolo), per imposizione delle mani dell’allora Vescovo Emilio Biancheri. L sua storia sacerdotale è indissolubilmente accompagnata a quella della parrocchia degli Angeli Custodi che ha accompagnato dalla nascita, nel 1973, dopo essere stato cappellano alla parrocchia dell’Alba con don Alberto Torroni. Nel 1990 gli è stato affidato anche il servizio liturgico della zona della Pentecoste.

Per i suoi parrocchiani era una persona di famiglia, padre, fratello e amico. Personaggio carismatico, era punto di riferimento non solo per i credenti ma per l’intera comunità cittadina di Riccione. Innamorato della città in tante occasioni è intervenuto per offrire il suo contributo per il bene comune. Una voce autorevole, una guida appassionata. Memorabili i campi scuola in montagna con centinaia di ragazzi, con le famiglie.

Una perdita dolorosa – dice don Maurizio Fabbri, vicario generale della Diocesi – per i suoi cari, per il nostro presbiterio, come Per la  comunità parrocchiale degli Angeli Custodi che aveva servito per 47 anni. Anche tutta la città di Riccione ne soffre la profonda perdita. Affidiamo la vita di don Giorgio alla misericordia del Padre e
all’intercessione di tutti i Santi. Appena possibile, daremo notizie in merito alla veglia e alla celebrazione del funerale“.

Altre notizie
di Redazione
di Redazione
Un dibattito surreale

A che ora nasce Gesù?

di Andrea Turchini
Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO