Indietro
menu
Appello all'unità

Sacchetti (Pd): la politica non si infetti del virus della strumentalizzazione

In foto: Filippo Sacchetti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 28 ott 2020 12:15
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ il momento della coesione, dell’unità d’intenti anche fra chi ha pensieri differenti, di mostrarsi uniti e compatti per contrastare quello che è il vero nemico: il Coronavirus“. A dirlo è il segretario provinciale del Pd, Filippo Sacchetti commentando le proteste degli ultimi giorni sul recente Dpcm. “In questi giorni di tensione la politica deve mostrare il suo volto migliore e non infettarsi del virus della facile strumentalizzazione e del populismo a caccia del consenso sulla pelle dei cittadini. E’ il momento in cui essere davvero comunità”.

Accusarsi gli uni con gli altri e prendersela con chi protesta (in maniera civile ovvio, altra cosa sono gli assalti delinquenziali di “professionisti” mascherati da manifestanti) non solo è sbagliato, ma allontana dalla battaglia per la salute collettiva. Così come è sbagliato pensare ci siano lavori e attività non essenziali girandosi dall’altra parte davanti a disagi che non sono nostri: il nostro compito è compensare le perdite di coloro a cui si chiede un sacrificio fatto di limitazione negli orari e nelle aperture in modo certo, rapido ed efficiente” prosegue Sacchetti, evidenziando che “nelle piazze che si riuniscono in questi giorni c’è rappresentata la paura profonda delle persone per la salute economica oltre che per quella fisica e con queste persone che la evidenziano in maniera civile abbiamo non solo la responsabilità ma anche il dovere di dialogare. Facendo però seguire a spiegazioni e rassicurazioni anche azioni celeri e concrete”.

Secondo Sacchetti “è vitale che il ‘Decreto ristoro’ entri in vigore subito e soddisfi le richieste di tutte le parti colpite dal nuovo Dpcm indennizzando le attività chiuse immediatamente. Perché è vero che nessuno al governo ha la bacchetta magica per bloccare un virus infido e letale dall’oggi al domani, ma è vero anche che i sacrifici richiesti devono avere un contraltare immediato e sicuro. E qui entrano in gioco la politica e gli uomini delle istituzioni.” “Dopo la Fase 1 – prosegue – il Governo ha ottenuto quel grandissimo risultato che si chiama Recovery Fund e porta risorse (tante) conquistate in Europa da investire oggi per stare meglio domani. Infrastrutture, mondo digitale, welfare europeo, green new deal sono le priorità e in questa Fase 2 dovremo quindi impegnarci a trasformare queste risorse in maggiore equità, giustizia e soprattutto efficienza di una macchina burocratica mostruosa che affanna ogni buon intento e spesso crea impedimenti o rende debole anche le azioni migliori”.

Le chiusure stabilite dal Dpcm – evidenzia Sacchetti – rischiano di far passare il messaggio che a pagare siano sempre i soggetti più fragili: gli esercizi pubblici o l’impresa creativa o sportiva spesso gestita dai più giovani. Fascia sociale già più esposta alla precarietà di oggi e a quella di domani. Ed è anche la pesantezza della macchina burocratica – in difficoltà a riorganizzare il trasporto, la didattica o a raddoppiare i controlli – a farlo passare, Il nostro impegno in questi giorni, nelle amministrazioni e nei rapporti col governo, andrà quindi proprio in questa direzione: faremo il possibile perché questa Fase 2 si trasformi nell’occasione di avere un Paese più efficiente e più giusto. Ascoltando i bisogni e le preoccupazioni per dare risposte concrete con unità e determinazione e senza lasciare indietro nessuno” conclude il segretario del PD.

Notizie correlate
di Redazione