Indietro
menu
contro il dpcm

La protesta di bar e ristoranti: licenze sparse a terra davanti al Comune

In foto: la protesta in piazza Cavour
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 31 ott 2020 18:03 ~ ultimo agg. 1 nov 15:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta oggi pomeriggio, in piazza Cavour, la manifestazione pacifica che ha visto ristoratori, baristi e gestori di pub protestare contro l’ultimo Dpcm, che impone la chiusura dei locali alle 18. I manifestanti, dopo aver polemicamente poggiato a terra decine di licenze di bar e ristoranti, hanno occupato la parte centrale della piazza mantenendo le distanze e indossando la mascherina.

 

Sul palco si sono alternati alcuni dei ristoratori della zona, da Lucio Paesani, presidente di Asso-Intrattenimento e promotore della manifestazione, a Paolo Gabriele del GhettoQuarantasea, a Giuliano Lanzetti del Bounty. “Vogliamo lavorare, basta con questo terrorismo – hanno ribadito a gran voce -. Chiediamo un contributo a fondo perduto sul differenziale di fatturato tra gli esercizi 2019-2020, la sospensione di tasse e tributi, e strumenti adeguati e immediati per i nostri collaboratori, altrimenti per molti di noi sopravvivere sarà impossibile”.

Al termine della manifestazione, una delegazione di imprenditori locali è stata ricevuta in municipio dall’assessore Mattia Morolli, che ha ricordato loro gli sgravi messi in campo dal Comune: dalla riduzione della Tari alla concessione del suolo pubblico gratuito.

Notizie correlate
di Simona Mulazzani   
di Redazione