Indietro
menu
intervista a tempo reale

Fortunati (ITIS): la scuola è sicura, bar e sport meno

In foto: Il Belluzzi-Da Vinci di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 ott 2020 13:25 ~ ultimo agg. 21 ott 11:24
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dirò forse una cosa impopolare, ma sono i bar dove i ragazzi si accalcano e le attività sportive le situazioni più pericolose. I nostri contagiati sono in buona parte degli sportivi“. A parlare la dirigente dell’Itis Belluzzi-Da Vinci di Rimini Sabina Fortunati, intervenuta questa mattina nella trasmissione di Radio Icaro e Icaro TV Tempo Reale. Su queste situazioni, secondo la preside, bisognerebbe avere una maggiore attenzione.

Nonostante alcuni casi di positività emersi nelle settimane scorse le norme di sicurezza hanno funzionato bene permettendo alla scuola di continuare a lavorare con i ragazzi in presenza. “Fino ad oggi sta andando bene – spiega – i ragazzi sono qui e lavorano e anche insegnanti e personale sono abbastanza sereni. Il rapporto con Ausl possiamo dire che è orario, ma i protocolli funzionano. I tamponi fatti dopo i casi positivi riscontrati sono stati tutti negativi“.

Lo sforzo di organizzazione compiuto dal personale scolastico durante l’estate per il ritorno degli alunni ha permesso di affrontare e vivere in sicurezza questo primo periodo: “Ammetto che ci aspettavamo una situazione ancora più complicata. Con i ragazzi in quarantena si sta lavorando con la didattica a distanza e quindi al momento possiamo dire che sta andando bene“.

Sulla possibilità, in caso di situazioni emergenziali, di posticipare orario ingresso alle 9 la dirigente esprime tutte le sue perplessità: “non mi sembra la soluzione. La scuola ha anche una valenza sociale, di aiuto alla famiglia e normalmente i genitori accompagnano i figli a scuola prima di andare al lavoro. Il posticipo sarebbe un problema soprattutto per i ragazzi che vengono da lontano, che avrebbero ancora più difficoltà per i mezzi“.

 

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione