Indietro
menu
Servono misure straordinarie

Problema erosione sulla spiaggia di Bellaria. Interrogazione in Regione

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 25 set 2020 12:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il problema della ‘ristrettezza’ degli arenili, endemico, si è accentuato in maniera insostenibile questa estate, specie nel mese di agosto, a causa delle misure per l’emergenza sanitaria: le spiagge di Bellaria e Igea Marina risultano quindi troppo piccole per accogliere tutti i turisti, soprattutto in queste condizioni”. A lanciare l’allarme, con un’interrogazione, è Valentina Castaldini di Forza Italia, che sollecita il governo regionale “ad affrontare questa problematica con azioni straordinarie”. Da anni, spiegara, “le scogliere non svolgono più al meglio la funzione protettiva per le spiagge: la loro ‘ricarica’ non viene svolta da diversi anni”. La Castaldini evidenzia che “sono state recentemente testate soluzioni innovative come le barriere permeabili soffolte, perpendicolari alla linea di costa, sperimentate nel comune di Riccione con ottimi risultati, anche di ripopolamento della fauna e della flora marina”.

È quindi prioritario, conclude la consigliera, “mantenere e allargare le aree di spiaggia: lo stesso sindaco di Bellaria Igea Marina, svariati operatori del settore turistico e diverse associazioni di categoria hanno invocato un intervento straordinario di ripascimento delle spiagge in erosione e di sistemazione delle barriere protettive”.

Notizie correlate
di Redazione   
di Redazione