Indietro
menu
Imprese giovanili in calo

Nuove idee nuove imprese: Focchi confermato alla guida

In foto: il presidente Maurizio Focchi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 9 set 2020 12:29
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dal 2002 la business plan competition aiuta e forma giovani (tra cui neo imprenditori) con idee innovative a realizzare o rivitalizzare la propria impresa. E che ci sia necessità di porre attenzione alle imprese giovanili è testimoniato dai dati elaborati dall’Osservatorio economico della Camera di commercio della Romagna e riferiti al 1° semestre 2020, secondo cui nelle province di Forlì-Cesena e Rimini la diminuzione annua delle imprese giovanili attive (-5,0%), è maggiore rispetto a quella regionale (-3,4%) e nazionale (-3,6%). Un incremento si registra solo nel settore agricolo. In assoluto le imprese giovanili rappresentano il 6,4% delle imprese attive (6,8% in Emilia-Romagna, 8,8% in Italia). Quanto alle start up, l’elaborazione rileva a giugno 2020 un incremento nella provincia di Forlì-Cesena (67 start up, +4,7%) e una diminuzione in provincia di Rimini (105 start up, -7,9%).

In questi anni il concorso ha visto 4.063 partecipanti formati alla cultura imprenditoriale, 1.213 Idee di business, 90 aziende nate dalla competizione (di cui 60 attive), 595.000 € totali di premi assegnati fino al 2019.

“Dobbiamo tutti fare di più per generare cultura d’impresa – conclude Focchi – e sostenere al meglio chi prova ad intraprendere dando seguito alle passioni. Colgo con favore le espressioni usate da Mario Draghi al Meeting di Rimini, a proposito del ‘buon debito’ a favore di giovani e conoscenze. I tempi sono difficili, le mappe del lavoro mutano, bisogna allenarsi a cogliere spiragli nuovi e a ritrovare l’adrenalina positiva e il gusto del rischio imprenditoriale. C’è un ruolo preciso per noi ‘over’, quello di semplificare, connettere, agevolare, lavorando con l’esperienza e con lo spirito di chi vuol consegnare ai giovani la possibilità di costruire il futuro che preferiscono. Questo è l’obiettivo di Nuove Idee Nuove Imprese, da 19 anni aperto a valorizzare idee e nuovi progetti d’impresa”. 

Insieme al vertice è stato definito il CdA che è formato da: Leonardo Tagliente (Vice Presidente), Sergio Brasini (Presidente del Consiglio di Campus di Rimini – Università di Bologna), Marina Garoia (Responsabile Promozione economica e internazionalizzazione Camera di Commercio della Romagna), Luigi Gambarini (Presidente dal 2002 al 2016),  Marino Rossi (Consigliere Società Unione Mutuo Soccorso della Repubblica di San Marino), Maurizio Temeroli, (già Segretario Generale della Camera di commercio di Rimini). Collegio dei Revisori: Maurizio Mussoni (commercialista e docente universitario).