Indietro
menu
Ripensati gli arredi

Scuole a Santarcangelo, l'assetto organizzativo per la riapertura

In foto: la Saffi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 29 ago 2020 11:25 ~ ultimo agg. 17:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Santarcangelo l’Amministrazione comunale e le Direzioni didattiche hanno definito l’assetto organizzativo in vista dell’inizio dell’anno scolastico fissato per lunedì 14 settembre.

Per le scuole materne, elementari e medie di Santarcangelo è prevista l’apertura regolare in presenza, con orari ordinari e scaglionamenti limitati degli ingressi nell’ordine di 15-20 minuti al massimo. Per permettere questa soluzione sono stati effettuati interventi differenziati per ciascun plesso, che comprendono opere di edilizia leggera, sostituzioni di arredi, messa a disposizione di spazi alternativi o altre soluzioni organizzative.

Per quanto riguarda le scuole materne, sulla base delle linee guida ministeriali la riapertura avverrà con le normali capienze degli spazi destinati alla didattica: le misure di sicurezza, infatti, consistono in questo caso nell’assicurare gruppi stabili di bambini (le sezioni) con gli stessi adulti di riferimento (insegnanti e operatori scolastici), evitando l’interazione tra gruppi appartenenti a sezioni diverse.

Per quanto riguarda le scuole elementari, nei plessi del Primo circolo didattico (Pascucci, Ricci e Della Pasqua), l’attività didattica si svolgerà interamente nelle aule già disponibili presso gli edifici scolastici, grazie allo spostamento degli arredi dalle aule agli spazi comuni o all’acquisto di nuovi arredi secondo le linee guida ministeriali, mentre sono in corso di definizione le misure per assicurare una corretta fruizione delle aree esterne durante la ricreazione o per le attività diverse dalla didattica.

Nelle scuole elementari del Secondo circolo didattico (Fratelli Cervi e Giovanni XXIII), invece, le classi più numerose troveranno posto in spazi comuni più capienti – ad esempio la biblioteca o la palestra – rispetto alle aule normalmente utilizzate, mentre le nuove classi prime verranno ospitate nella sezione non utilizzata dalla scuola materna della rispettiva frazione.

Quanto alle scuole medie, nella sede centrale Franchini sia le aule sia la palestra consentono il pieno rispetto delle misure previste dalla normativa. Per la succursale Saffi, al fine di consentire il distanziamento in tutte le classi, oltre allo spostamento degli arredi negli spazi comuni sono in corso l’acquisto di 400 nuovi banchi e la riconversione di spazi precedentemente destinati ad altro utilizzo – come ad esempio l’aula docenti – e si procederà all’intervento sugli infissi per poter recuperare lo spazio di apertura delle ante.

Sempre alla Saffi, la dimensione ridotta degli spogliatoi della palestra non consente l’utilizzo da parte di più classi in sicurezza, quindi sarà utilizzato per questa finalità anche il Pala SGR. In accordo con la Direzione scolastica e compatibilmente con l’attività didattica, si sta valutando inoltre l’utilizzo di strutture esterne temporanee per mettere a disposizione spazi aggiuntivi da destinare ad attività laboratoriali e diverse, la cui eventuale installazione avverrebbe in un momento successivo all’avvio dell’anno scolastico.

Notizie correlate
Un paese giovane

Ritorno dal Senegal

di Andrea Turchini