Indietro
menu
Nidificano tra Rimini e Riccione

Un protocollo per tutelare i fratini. Sabato la firma

In foto: un fratino in spiaggia
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 24 lug 2020 16:56 ~ ultimo agg. 16:58
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Domani, sabato, nella sede del Club Nautico di Rimini sarà siglato il protocollo che unirà associazioni ambientaliste e ornitologiche e l’impresa Ecodemolizioni S.r.l. per la conservazione del fratino.

Negli ultimi anni è tornato a nidificare sulle nostre spiagge il Fratino (Charadrius alexandrinus), specie ornitica protetta dalle norme italiane ed europee, perchè ormai rara in Italia ma un tempo ampiamente diffusa lungo le nostre coste. Questa presenza entra però spesso in conflitto con le attività balneari e con i lavori di pulizia e preparazione delle spiagge legati al turismo ed alla balneazione. Lo stesso problema si pone nella prospettiva di una espansione verso nord dell’areale di nidificazione della tartaruga Caretta caretta, già verificatasi con successo lo scorso anno sulla vicina costa pesarese. L’obiettivo di questo accordo è evitare e prevenire le situazioni di conflitto fra presenze faunistiche e attività turistico-balneari e favorire con azioni mirate e concrete la presenza della biodiversità e il successo riproduttivo delle specie presenti, a cominciare dalle spiagge comprese fra Rimini Terme (Comune di Rimini) e Foce Marano (Riccione), ma con estensione a tutti i tratti di costa interessati dalla attività dell’Impresa Ecodemolizioni. L’azienda nella fattispecie si coordinerà con le amministrazioni comunali e l’associazione A.S.O.E.R. in occasione di interventi di pulizia speciali per permettere ai volontari di intervenire per un controllo dell’arenile prima del suddetto intervento. Gli operatori dell’azienda saranno anche edotti su come riconoscere un nido di fratino, e in caso avvenga tale riconoscimento, contatteranno tempestivamente A.S.O.E.R. per la messa in sicurezza del nido con recinti temporanei. A queste azioni concrete si accosteranno altre di sensibilizzazione della popolazione e dei turisti tramite l’affissione di percorsi informativi attraverso una cartellonistica dedicata e collaborando con gli operatori balneari.

Firmatari del protocollo le associazioni Ambiente e Salute Riccione, A.N.P.A.N.A, A.S.O.E.R, Fondazione Cetacea Onlus, Legambiente Valmarecchia APS, L’Umana Dimora Rimini, WWF Rimini, e l’azienda ECO DEMOLIZIONI srl. Il protocollo una volta siglato verrà sottoposto all’attenzione delle amministrazioni comunali coinvolte e dei carabinieri forestali di Rimini.

Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini