Indietro
menu
blitz dei carabinieri

E' ai domiciliari ma continua a spacciare: cocaina nascosta nell'impianto elettrico

In foto: la cocaina e il bilancino sequestrati in casa
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 10 lug 2020 14:42 ~ ultimo agg. 18:13
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Era agli arresti domiciliari dove stava scontando una condanna definitiva, ma nonostante il regime detentivo non avrebbe perso il vizietto di spacciare. Così, quando i carabinieri della Stazione di Bellaria Igea Marina, diretti dal luogotenente Roberto Cabras, sono entrati nell’appartamento di un 45enne comasco, residente a Bellaria, hanno scovato e sequestrato al termine di un’approfondita perquisizione domiciliare 150 grammi di cocaina nascosta dietro ad un mobile del soggiorno all’interno di una scatola di derivazione dell’impianto elettrico, e un bilancino di precisione dentro un contenitore di cd. Ad insospettire i militari il fatto che il coperchio della scatola fosse particolarmente danneggiato rispetto al resto della parete che invece era intonso.

La perquisizione dei militari bellariesi è scattata dopo che alcuni cittadini avevano segnalato uno strano viavai, a tutte le ore del giorno e della notte, dall’appartamento del 45enne. Che, essendo ai domiciliari – è questa la ricostruzione dei carabinieri – limitava al minimo i suoi spostamenti. Spesso, quindi, sarebbero stati gli acquirenti a recarsi da lui per avere la cocaina.

Dichiarato in arresto, questa mattina il comasco è comparso in tribunale per la direttissima. L’arresto è stato convalidato e il 45enne è stato sottoposto dal giudice nuovamente agli arresti domiciliari, ma a Como e non più a Bellaria, in attesa del processo che si svolgerà nei prossimi giorni.

Notizie correlate
Cronaca Rimini: notizie e Cronaca di Rimini e provincia Riccione

"Staffetta" di animali intercettata dalle Guardie Ecozoofile in A14

di Redazione   
VIDEO
di Redazione