Indietro
menu
Notte di violenza

Perde le chiavi dell'auto e il compagno si avventa su di lei e la picchia. Arrestato

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
dom 14 giu 2020 14:08 ~ ultimo agg. 15 giu 11:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Di ritorno dopo una serata con gli amici, si accorge di non avere le chiavi più della macchina e il compagno la incolpa e la picchia. E’ accaduto a Rimini, in via Cavalieri.

La donna, una 34enne di origine peruviana residente a Pesaro, è stata soccorsa verso le tre di notte da una Volante della Polizia che, dopo alcune segnalazioni, l’ha rintracciata distesa per terra in stato di shock e con varie ecchimosi al volto, un occhio tumefatto e una forte fuoriuscita di sangue dalla bocca. Affidata alle cure del 118, anche se ormai esausta, la donna è riuscita ad indicare agli operatori un uomo che si allontanava velocemente.

Si trattava del suo compagno, un 36enne anche lui di origine peruviana ma residente a Rimini, che aveva tra le mani la borsa della donna con denaro e cellulare. La Polizia ha poi ricostruito l’accaduto, grazie anche alle dichiarazioni di alcuni testimoni: la coppia aveva trascorso la serata con alcuni amici e, al ritorno all’auto parcheggiata in via Cavalieri, la 34enne si è accorta di non avere più le chiavi dell’auto in borsa. L’uomo ha incominciato ad alterarsi incolpandola di averle nascoste e poi si è avventato su di lei colpendola ripetutamente al volto con pugni e, una volta buttata a terra, con violenti calci lungo tutto il corpo. Accortosi che le grida di aiuto della donna avevano richiamato alcuni passanti, le ha strappato la borsetta ed è fuggito.

Fermato dagli agenti, il 36enne, dapprima collaborativo, ha cominciato a colpire con calci e pugni la portiera e il divisorio di plexiglass dell’auto dando in escandescenza. Arrivato in questura, la sua condotta violenta è continuata tanto da colpire gli agenti che cercavano di calmarlo. Per tre poliziotti sono state necessarie le cure dei sanitari con prognosi di 6 e 7 giorni per contusioni alle braccia e alle gambe. L’uomo è arrestato e dovrà rispondere dei reati di rapina, resistenza e lesioni a P.U. nonché per lesioni personali.