Indietro
menu
400 in tutta Italia

Dentix: la preoccupazione dei sindacati per i lavoratori

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 9 giu 2020 13:34
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Sono 400 i lavoratori a rischio per la mancata ripartenza degli ambulatori dentistici di Dentix Italia, chiusi da marzo per l’emergenza convid. A lanciare l’allarme i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs.
In utta Italia sono migliaia i pazienti abbandonati, curati a metà per lo stop dell’attività aziendale, e 400 i posti di lavoro a rischio. I lavoratori da settimane sono stati lasciati senza notizie certe su una possibile riapertura, nonostante la ripartenza di alcune aziende concorrenti. Anche dalla sede amministrativa di Milano tutto tace, ed è certo che non aiutano a rasserenare gli animi le voci delle difficoltà economiche e di un problema di liquidità che metterebbe a rischio la sopravvivenza stessa di Dentix Italia”. I dipendenti sono in cassa integrazione ma il 21 giugno, “scadranno le ulteriori 5 settimane di cassa in deroga, terminate le quali si dovranno verificare le possibilità per poter accedere ad ulteriori ammortizzatori sociali. Questo, fermo restando la volontà di riaprire quanto prima, anche per dare risposte ai pazienti che necessitano di interventi in alcuni casi di natura sanitaria; interventi, che in molti casi sono già stati pagati in anticipo”.
Anche per questo, le organizzazioni sindacali chiedono certezze sulla continuità aziendale oltre a garanzie sui pagamenti delle retribuzioni, e in particolare sugli accantonamenti dei trattamenti di fine rapporto dei dipendenti.
Notizie correlate
di Redazione