Indietro
menu
Per ottimizzare i costi

Aeroporto ancora chiuso. AiRiminum: scelta concordata con Enac

In foto: l'aeroporto di Rimini
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 15 giu 2020 13:59 ~ ultimo agg. 16 giu 13:25
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il fatto che nel nuovo decreto del ministero dei trasporti l’aeroporto di Rimini non rientri tra i 25 scali riaperti è una scelta che “la stessa AiRiminum ha convenuto insieme ad Enac”. Lo precisa la società di gestione del Fellini, da noi contattata.

Si tratta di una decisione presa per ottimizzare i costi. AiRiminum ha quindi optato per “mantenere l’attuale status fino a fine giugno per l’aviazione commerciale in quanto con l’estensione dell’apertura delle frontiere Extra UE al 1° luglio anche i voli programmati per giugno sono stati spostati“. Il 19 era previsto, ad esempio, il collegamento con Tirana.

Il Fellini attualmente è aperto per i voli cargo e per l’aviazione generale. Il decreto resterà in vigore fino al 14 luglio ma si specifica che “l’Ente nazionale per l’aviazione civile, può sulla base delle ulteriori richieste ed esigenze di trasporto aereo, previo parere del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, modificare e integrare l’elenco”. Presumibile quindi che l’aeroporto di Miramare riapra per luglio quando sono in tabellone vari collegamenti tra i quali Londra con Ryanair e Teheran con Iranair.

. Vedi notizia

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO