Indietro
menu
Tra le vie Morri e Polazzi

A Viserba un sottopasso solo per cicli e pedoni. Lavori a ottobre

In foto: il piano di riqualificazione
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 22 giu 2020 14:30 ~ ultimo agg. 19:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Non solo un sottopasso carrabile ma anche uno solo per bici e pedoni. Prosegue il progetto di riqualificazione di Rimini nord e arriva una novità . Dopo la modifica degli elaborati del progetto esecutivo, integrato con le proposte avanzate dalla Rete Ferroviaria Italiana, entro la fine di questo mese, sarà riconsegnato a RFI il progetto definitivo per i sottopassi di Viserba. I lavori, che inizieranno a ottobre, prevedono un altro sottopasso dedicato esclusivamente al passaggio ciclopedonale. Inizialmente infatti il progetto prevedeva un unico sottopasso che comprendeva, in sede separata la ciclovia, ma con l’abolizione del passaggio a livello è stato deciso di dedicare alle biciclette e ai pedoni un passaggio esclusivo in sottopasso dedicato tra via Morri e via Polazzi.

Il piano di riqualificazione di Rimini Nord è inserito nel bando nazionale “delle periferie”. Il progetto prevede, nello specifico, un passaggio carraio e ciclopedonale in grado di garantire il collegamento tra l’asse stradale adiacente alla linea ferroviaria Ravenna-Rimini, a nord-est della stessa, e Via Libero Missirini, a sud-est del “Centro Studi” di Viserba.

L’intervento, che per dimensioni e complessità comporterà per alcuni mesi l’interruzione dei collegamenti ferroviari tra le stazioni di Viserba e Rimini sulla linea Rimini-Ravenna, per il restante tratto funzionerà regolarmente. Durante il periodo interessato saranno studiati servizi sostitutivi per gli utenti del tratto Viserba-Rimini.

L’ importo complessivo dell’opera è di 9 milioni. Per l’aumento dei costi, dovuti al nuovo sottopasso ciclabile, il Comune di Rimini ha ottenuto un impegno dal parte di RFI di co-finanziare la maggiore spesa di 5.5 milioni.