Indietro
menu
dal prossimo fine settimana

A Riccione passerelle e corde in spiaggia libera, ma non serve prenotazione

In foto: la spiaggia libera davanti a piazzale Roma
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 8 giu 2020 15:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Riccione arrivano le indicazioni per le 17 spiagge libere. Nelle 10 più grandi i turisti troveranno una passerella larga 3 metri che li condurrà verso i posti contrassegnati con paletti e corde larghi 12 metri quadrati. Come da protocolli sanitari in ogni spazio vi potranno prendere posto due persone, con ombrellone e teli, oppure un unico nucleo familiare composto anche da più di due membri. Sempre all’ingresso, i visitatori troveranno i cartelli, in lingua italiana e inglese, che spiegheranno le regole sanitarie da rispettare. Non ci sarà la necessità di prenotare né vi saranno agli ingressi sbarramenti.

Sarà possibile prendere posto fino ad esaurimento. Ad esempio la spiaggia libera di piazzale Roma avrà 160 postazioni. Restano da rispettare le regole del distanziamento sociale, della mascherina ove non è possibile mantenere la distanza di almeno un metro e il divieto di assembramento. Dal 13 giugno sarà attivato il servizio di salvamento. Nei weekend di maggiore afflusso turistico vi sarà un presidio del nucleo anticontraffazione della polizia locale, e per i mesi “caldi” l’amministrazione sta elaborando un protocollo con Croce Rossa e Croce Blu per un presidio di volontari che informino i turisti e li indirizzino verso le giuste postazioni.

I lavori di sistemazione della spiaggia libera procedono velocemente – ha detto l’assessore ai Lavori Pubblici, Lea Ermeti -. Già da giorni sono stati posizionati i cartelli che indicano come comportarsi se si usufruisce delle spiagge libere di Riccione. La Geat sta terminando e per il fine settimana sarà tutto pronto, la sistemazione dei segnaposti di legno con cordelle che delimitano i 12 metri quadrati e i cartelli di pubblica utilità elaborati e presentati dall’Ufficio del Turismo“.

Notizie correlate
di Redazione   
FOTO
di Simona Mulazzani