Indietro
menu
Da 400 a 3.000 €

"Mi sono perso". Le sanzioni dei Carabinieri in Valmarecchia

In foto: i controlli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 10 apr 2020 14:33 ~ ultimo agg. 18:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I controlli dei Carabinieri della Compagnia di Novafeltria sul territorio di Valmarecchia e Alta Valmarecchia hanno interessato ieri 103 persone e 18 esercizi. Sette sono state le persone sanzionate per “inosservanza delle disposizioni anti-covid19in riferimento al rispetto del Decreto del P.C.M. del 9 marzo e successive modifiche e da ultimo del Decreto del P.C.M. nr. 19 del 25.03.2020 che prevede per gli inottemperanti una sanzione pecuniaria da 400 a 3.000 Euro.

Tra le vane scuse delle persone sanzionate nella giurisdizione della Compagnia Carabinieri di Novafeltria:

un 62enne residente a Rimini sottoposto a controllo a Dogana nel Comune di Verucchio che alla richiesta dei militari operanti di fornire motivazioni valide in merito alla sua presenza in quel tratto stradale ha affermato di essersi perso, senza essere in grado di trovare la via del ritorno;

un 58enne residente a Rimini controllato ieri pomeriggio lungo la Strada Provinciale 258 “Marecchiese”, all’altezza della località Torello del Comune di San Leo, ha detto ai militari di aver effettuato un intervento tecnico all’interno di un’azienda operante nell’Alta Valmarecchia, risultato a seguito dell’accertamento non urgente e facilmente differibile poiché in questo momento l’attività produttiva della ditta è ferma.

un 30enne residente a San Leo sottoposto all’alt alla guida della sua auto in località Dogana del Comune di Verucchio ha riferito ai militari che si stava recando presso la Caserma dell’Arma di Villa Verucchio per chiedere alcune informazioni, sebbene fosse disponibile la Stazione Carabinieri nel proprio Comune di residenza e seppur vedendo la pattuglia dei Carabinieri effettuare un posto di controllo non abbia neanche accennato a fermarsi; il soggetto si è scusato ed è stato sanzionato e rispedito nel comune di residenza.