Indietro
menu
Per comuni e sistema produttivo

Dalla Regione in arrivo tre milioni di mascherine

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 7 apr 2020 08:44 ~ ultimo agg. 08:51
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Regione Emilia Romagna mette a disposizione tre milioni di mascherine protettive, destinate ai Comuni e al sistema produttivo, al momento comunque senza nessuna disposizione che ne preveda l’utilizzo obbligatorio per i cittadini.

Da oggi è in distribuzione ai Comuni una prima fornitura di due milioni di mascherine che verranno messe a disposizione dei cittadini. Un milione andrà al sistema delle imprese per la sicurezza di lavoratrici e #lavoratori nel momento in cui potranno ripartire.
Saranno possibili nuovi stock sulla base delle reali esigenze. La priorità – spiega il presidente della Regione Stefano Bonaccini –  resta garantirle in primo luogo agli operatori sanitari e socioassistenziali.

Da oggi le mascherine sono distribuite ai Comuni tramite la rete della Protezione civile regionale dei Centri operativi comunali. I Comuni provvederanno quindi a renderle disponibili attraverso le modalità che riterranno più efficaci, anche per farmacie, parafarmacie o punti come edicole e tabaccherie. Prevista la possibilità di aggiungere nuove forniture per i cittadini nei giorni successivi.

🔴 TRE MILIONI DI MASCHERINE GRATUITE PER I CITTADINI DELL’EMILIA-ROMAGNA 🔴

🔴 TRE MILIONI DI MASCHERINE GRATUITEPER I CITTADINI DELL’EMILIA-ROMAGNA 🔴Siamo abituati a parlare con fatti concreti e realizzabili. Da mercoledì distribuiamo ai Comuni una prima fornitura di due milioni di #mascherine che verranno messe a disposizione dei cittadini. Un milione andrà al sistema delle #imprese per la sicurezza di #lavoratrici e #lavoratori nel momento in cui potranno ripartire. Saranno possibili nuovi stock sulla base delle reali esigenze, detto che la priorità resta garantirle in primo luogo agli operatori sanitari e socioassistenziali.

Pubblicato da Stefano Bonaccini su Lunedì 6 aprile 2020