Indietro
menu
consegnati al prefetto

Dal consolato austriaco a San Marino dono di guanti per i sanitari

In foto: la consegna dei guanti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
ven 3 apr 2020 19:30
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una nuova giornata di lavoro intenso in Prefettura, dove da oltre un mese il prefetto Alessandra Camporota, coordina le azioni per contrastare l’emergenza covid-19 in provincia. Prima una riunione del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, in cui si è condiviso con le Forze dell’Ordine la necessità di proseguire la capillare attività di controllo finora svolta fino al prossimo 13 aprile, in attesa di capire, nelle prossime ore, cosa il Governo deciderà sulla proroga delle misure più restrittive adottate dal Presidente della Giunta della Regione Emilia-Romagna per il territorio riminese e che impegnano le forse di polizia anche nei varchi e nei posti di blocco in strada.

Poi il Prefetto ha incontrato il Console Onorario della Repubblica d’Austria a San Marino, Isabella Gumpert.  Il console ha consegnato nelle mani del Prefetto la donazione di guanti, frutto della generosità dei lavoratori di una azienda austriaca che opera in Malesia, e destinata al personale sanitario dell’AUSL Romagna. La Camporota ha espresso  viva gratitudine per il significativo esempio di generosità dimostrata verso la comunità della provincia riminese ed una forte condivisione di quei valori universali che, superando i confini territoriali, permeano i rapporti tra gli uomini anche in una dimensione sovranazionale.

Con una nota il Direttore Generale dell’Ausl Marcello Tonini ha voluto ringraziare il Consolato austriaco sottolineando l’importanza del gesto, che denota generosità, altruismo e lungimiranza. “Sono giorni difficili, dolorosi per tante famiglie, e di impegno enorme per gli operatori sanitari. I presidi generosamente donati – ha proseguito il dott. Tonini – saranno importanti proprio per quegli operatori, affinché possano lavorare con maggior serenità”.

 
######