Indietro
menu
emergenza covid

Crédit Agricole e Fondazione CARIM donano 56 mila € per la terapia intensiva dell'Infermi

In foto: Linfa gemmani (carim) e Massimo tripuzzi (crédit agricole)
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 9 apr 2020 12:03 ~ ultimo agg. 12:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Oltre 56.000 euro per acquistare una centralina di monitoraggio e 14 monitor per la terapia intensiva dell’Infermi di Rimini – anche nell’ottica di potenziare il DEA, il Dipartimento d’Emergenza e Accettazione – da Crédit Agricole e Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini.

Si tratta di monitor che controllano costantemente i parametri vitali dei pazienti, verificabili da un’unica postazione di lavoro, così da ottimizzare le mansioni del personale sanitario.

“Abbiamo deciso di intervenire in modo rapido e concreto a favore dell’intero territorio – dichiara Massimo Tripuzzi, Responsabile Direzione Regionale Romagna Crédit Agricole Italia – e siamo orgogliosi di farlo al fianco della Fondazione Banca del Monte e Cassa di Risparmio Faenza. È un esempio di come sia importante agire insieme nell’interesse non solo dei clienti, ma anche della collettività, principio che racchiude la ragion d’essere del nostro Gruppo. Un sentito ringraziamento a tutti coloro che, con grande senso di responsabilità e spirito di abnegazione, in questi giorni così difficili continuano ad adoperarsi per salvaguardare la salute di ogni cittadino”

“Essere al fianco dell’Ospedale – commenta Linda Gemmani, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini – significa essere vicini a tutti i riminesi. Per noi è una priorità. I 74 nuovi posti letto per malati Covid-19 al 4° piano del DEA, che si aggiungono a tutto quanto fatto finora, aiutano ulteriormente la sanità locale a fronteggiare meglio l’emergenza. E ad essere pronta anche in futuro qualora, speriamo di no, ce ne fosse bisogno. L’obiettivo, ieri come oggi, è contribuire a mettere in sicurezza, per quanto possibile, la comunità riminese rispetto al bene primario della salute. Poi bisognerà pensare, tutti insieme, ad affrontare le tante, gravi conseguenze che questa emergenza lascerà sul nostro territorio. Anche su questo fronte faremo, come sempre, la nostra parte”.

Con questa iniziativa Crédit Agricole Italia e Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini vogliono ribadire ancora una volta la vicinanza non solo ai territori, ma anche alle tante persone che si trovano in prima linea ad affrontare questa emergenza, convinti che se ne potrà uscire solo uniti e con l’aiuto di tutti.

Altre notizie
di Redazione
indispensabili in ogni ufficio

La busta corretta per ogni formato di carta

di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi   
di Simona Mulazzani