Indietro
menu
Sentenza del tribunale

Morì per infarto non riconosciuto. Ausl dovrà risarcire famiglia

In foto: il pronto soccorso di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 20 gen 2020 08:27 ~ ultimo agg. 13:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Era arrivato in pronto soccorso lamentando un forte mal di stomaco che celava un attacco cardiaco non riconosciuto. Dopo 15 ore passate nel Pronto Soccorso dell’Infermi il cuore di un 75enne riminese aveva smesso di battere e l’uomo era spirato. Dopo 5 anni dal decesso avvenuto nel 2015, raccontano Carlino e Corriere, il Tribunale ha condannato l’Ausl a pagare 300mila euro di risarcimento alla famiglia del paziente morto.

Il 75enne era arrivato al nosocomio lamentando dolori all’addome e tra gli esami a cui era stato sottoposto c’erano stati anche i cardiologici che però, inizialmente, non avevano fatto emergere nulla di preoccupante. Solo dopo molte ore, mentre i malesseri continuavano a crescere, la scoperta dell’infarto in atto, ma a quel punto per il paziente non c’era stato più nulla da fare.

Notizie correlate
di Redazione