Indietro
menu
A Bologna e a Rimini

Strage di Bologna. Il comune presente alle commemorazioni

In foto: alle Officine Grandi Riparazioni
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 2 ago 2019 13:03
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Rimini presente alle commemorazioni sia a Bologna sia a Rimini per ricordare la strage del 2 agosto del 1980, quando alle  10.25 del mattino una bomba esplose alla Stazione di Bologna provocando 85 morti e oltre 200 feriti. Tra le vittime anche la diciottenne riminese Flavia Casadei, al cui ricordo il Comune di Rimini ha intitolato la scuola primaria di Viserba.

A Bologna era presente  il Gonfalone della Città di Rimini, con l’Assessore Mattia Morolli e gli agenti della Polizia municipale, mentre l’Assessore Roberta Frisoni ha partecipato alla cerimonia commemorativa svoltasi alle Grandi Officine Ferroviarie di Rimini.

Sono qui a portare il saluto dell’Amministrazione Comunale di Rimini – ha ricordato l’Assessore Roberta Frisoni – che oggi, come ogni anno, si stringe a voi nella Commemorazione della Strage del 2 agosto 1980. Sono passati 39 anni, 39 anni in cui siamo cresciuti, siamo cambiati… L’Italia, Rimini è cambiata. Ma 39 anni in cui il ricordo di quanto accaduto alle 10:25 alla stazione di Bologna Centrale rimane sempre vivido e vigile nella nostra memoria. In questo non è cambiato nulla, siamo al 2 agosto 1980.

“Avevo 7 anni e non ero un eroe – sono le parole di uno dei sopravvissuti, Yuri Zini, che ricorda – Il treno per me, figlio di ferroviere, era tutto, da quel giorno è cambiato tutto. Il treno, la ferrovia, per voi che siete qui oggi, per chi fa parte delle vostre, delle nostre famiglie, sapete voi, meglio di me,  vuol dire molto, a volte vuol dire tutto…come per Yuri. Vuol dire molto, moltissimo anche per la nostra città. Una città attraversata da nord a sud dalla ferrovia, una città che si è sempre rimboccata le maniche, come tanti lavoratori come voi, come hanno fatto anche gli operai delle ferrovie e delle officine nell’immediato dopoguerra, una città che anche dalle aree ferroviarie sta cercando di cambiare, di innovarsi per creare nuove opportunità e sviluppo, con attenzione soprattutto anche alle nuove generazioni e alla sostenibilità”.

Sapete che è stato siglato un Protocollo d’Intesa con il Gruppo FS, che è stato ratificato recentemente in consiglio comunale con un Accordo territoriale, sapete che sono partiti già i primi lavori di riqualificazione delle aree antistanti il piazzale della stazione, lavori che proseguiranno subito dopo il Ferragosto per creare una nuova piazza urbana di accesso alla stazione