Indietro
menu
Cala il commercio tradizionale

Crescono le imprese di e-commerce: +320% in 10 anni nel riminese

In foto: e-commerce
di Andrea Polazzi   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 ago 2019 10:47 ~ ultimo agg. 12:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La provincia di Rimini è 26esima in Italia e terza in Regione per numero di imprese attive nell’e-commerce. E’ quanto emerge nell’analisi della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi su dati del registro imprese. Ad entrare poi nel dettaglio è la Camera di Commercio della Romagna. Al 30 giugno le imprese attive nel settore sono 179 con un aumento del +57% rispetto a 5 anni fa e del 326,2% rispetto al 30 giugno 2009. Una vera e propria esplosione che fa da contraltare al calo del 7,2% registrato nel decennio dal commercio al dettaglio tradizionale.

Di un’azienda di e-commerce su quattro nel riminese è titolare una donna mentre le imprese giovani sono circa il 20% e quelle straniere poco più di una su dieci. Per la maggior si tratta di imprese individuali (63,7%), a cui seguono le società di capitale (25,7%) e le società di persone (10,6%). La quasi totalità (98,9%) è rappresentata da micro imprese con meno di 10 dipendenti). Complessivamente gli addetti del settore sono invece 297 con una crescita del 94% rispetto a cinque anni fa.

In merito, infine, alla presenza sul territorio, 83 imprese e-commerce sulle 179 totali risiedono nel comune capoluogo di Rimini; delle restanti 96, si evidenziano i comuni di Riccione (16 unità), Cattolica (15), Misano (12), Santarcangelo (10), Bellaria, Coriano, San Giovanni e Verucchio (ciascuno di questi con 7 unità).