giovedì 22 agosto 2019
menu
In foto: Marzio Pecci
di Maurizio Ceccarini   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 17 lug 2019 17:34
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

A seguito dell’inserimento della Marecchiese (vedi notizia) e di altre strade del territorio tra quelle di interesse regionale e nazionale, il consigliere provinciale della Lega Marzio Pecci interviene per lamentare l’assenteismo della Provincia, al di là dei proclami, sul tema delle infrastrutture viarie.


Il nostro Presidente della Provincia parla molto e fa poco.

Valga come esempio “la bozza di ordine del giorno sulle province” approvata, in Consiglio Provinciale, diverse settimane e che avrebbe dovuto sottoporre all’esame dei Sindaci, per l’approvazione, nel breve tempo affinché il Governo ed il Parlamento provvedessero a porre in essere tutti i provvedimenti per permettere la piena funzionalità della macchina amministrativa provinciale dopo i “danni” della “legge Del Rio”.

La bozza dell’Odg è stata votata a favore anche dalla Lega perché i cittadini della provincia hanno bisogno di avere un Ente guidato da un Presidente che si impegni a realizzare i progetti di sviluppo e di crescita, garantendo i servizi essenziali quali: la sicurezza nelle scuole superiori, la gestione ed efficienza delle strade provinciali e gli interventi per contrastare il dissesto idrogeologico.

Dopo l’approvazione dell’ordine del giorno all’unanimità (evento quasi unico) ci saremmo aspettati l’immediata convocazione da parte del Presidente di tutti i Sindaci della Provincia, per coinvolgerli in questa operazione politica importante,  invece a distanza di settimane ancora nulla ha fatto.

Altrettanto dicasi per i problemi delle strade dell’Alta Valmarecchia, in particolare per la SP 8 Santagatese e la SP 28 Sarsinate. Anche in questo caso non ha fatto nulla così come il suo predecessore, Andrea Gnassi:  si sono completamente disinteressati del problema dopo aver fatto inutili promesse.

E’ stato, dunque, necessario l’intervento del Consigliere regionale della Lega, Emilia Romagna, Massimiliano Pompignoli e dell’On. Elena Raffaelli per risolvere questo problema.

Il Consigliere Pompignoli ha ottenuto che le due strade fossero inserite nell’elenco della rete viaria di interesse regionale mentre l’intervento dell’on. Raffaelli ha fatto sì che il Governo abbia ritenuto prioritario mettere al centro della riclassificazione delle arterie stradali di valenza nazionale sia la SP 8 che la SP 28.

Anche in questo caso vale quanto ripete il Segretario Nazionale, Matteo Salvini: “volere è potere”.

Dunque v’è bisogno che il Presidente della Provincia di Rimini si “svegli” e passi “dalle parole ai fatti”. Il tempo corre veloce ed i cittadini e le imprese non possono più aspettare.

Si affretti, dunque, e convochi con urgenza i sindaci della provincia di Rimini prima che sia troppo tardi.

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
Terzo anno in maglia a scacchi

Andrea Montanari resta in biancorosso

di Redazione
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna