venerdì 23 agosto 2019
menu
In foto: Un frame dell'operazione Kebab
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 29 giu 2019 13:26 ~ ultimo agg. 14:09
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

“Gli spacciatori di droga sono ritornati intensamente con i loro traffici illeciti nel Borgo Marina, in particolare all’incrocio di Corso Giovanni XXIII° con Via Bastioni Settentrionali, in Via Vittime Civili, nei Giardini della Stazione, come confermano i ripetuti arresti da parte dei Carabinieri”. Lo sottolinea Gioenzo Renzi, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, che ricorda l’imponente mole di lavoro della Polizia Municipale nell’operazione Kebab, che portò a 53 arresti per spaccio nella zona.

“Purtroppo – ricorda Renzi – la recente Sentenza della Corte Costituzionale sul 1° Decreto Sicurezza del Ministro dell’Interno Salvini, ha “bocciato” i poteri straordinari ai Prefetti di vietare a persone con determinati precedenti penali l’accesso nelle “zone rosse” come il Borgo Marina, salvaguardando le prerogative dei Sindaci. Pertanto, l’Amministrazione Comunale deve fare la propria parte per contrastare lo spaccio della droga nel Borgo Marina”.

In un’interrogazione, Renzi ha sollecitato azioni specifiche:

  1. La vigilanza costante e particolare nel Borgo Marina per sradicare lo spaccio della droga da questa che non può essere una “permanente” e intollerabile “zona rossa”.

  2. La costituzione di un apposito NUCLEO ANTIDROGA della Polizia Municipale ( come proposto e fatto contro l’abusivismo commerciale) specializzato per condurre una efficace lotta alla droga nel Borgo Marina e nella città, coordinato con le Forze dell’Ordine;

  3. L’adeguamento della video sorveglianza nel Borgo Marina che risale al 2010, sostituendo le attuali telecamere “brandeggianti o “ girevoli” con le telecamere ad “occhio fisso” per riprendere e registrare il compimento delle azioni di reato;

  4. L’impiego, appena possibile, delle unità cinofile, costituite l’anno scorso (attuando la proposta del sottoscritto del 2013) , addestrate per “stanare” gli spacciatori e trovare le sostanze stupefacenti, nell’ambito del potenziamento dei servizi di sicurezza urbana, legalità e controllo del territorio;

  5. La promozione dalla Amministrazione Comunale di campagne di informazione sui danni irreversibili provocati dal consumo della droga alla salute delle persone, dai giovanissimi agli adulti, con i relativi costi sociali, dinnanzi alla diffusione preoccupante della droga ( cocaina, cannabis, eroina) che, come risulta dalla cronaca, è diventata una calamità nella città.

 

Notizie correlate
di Redazione   
VIDEO
di Redazione   
FOTO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna