sabato 15 giugno 2019
menu
di Simona Mulazzani   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 6 giu 2019 14:51 ~ ultimo agg. 10 giu 17:13
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

Una tipica ‘ligaza’ dai tanti accenti, quello romagnolo, più strettamente santarcangiolese, ma anche somalo, siriano, nigeriano, marocchino, eritreo. Una festa della condivisione, dello stare semplicemente insieme, quella andata in scena al parco Francolini. Uno scambio di tradizioni, un conoscersi attraverso piatti e sapori caratteristici. “Eid Mubarak – Culture in Fermento” è stato tutto questo e forse anche qualcosa di più per le oltre 150 persone, tante le mamme con bambini, che dal tardo pomeriggio di ieri si sono avvicendate al parco.

Il convivio per la fine del Ramadan, organizzato dall’associazione Fermenta in collaborazione con Operazione Colomba, si è rivelato un gioioso incontro tra le diverse culture. Tra i testimoni del momento anche il Vicario Generale della Diocesi don Maurizio Fabbri e il parroco della Collegiata don Andrea Turchini.

Sui tavoli piada e cassoni accanto a couscous e bulgur. Tutt’attorno chiacchiere e canti. Prima del calar della sera anche un improvvisato remix a più voci di ‘Romagna mia’.

Il percorso intrapreso da Fermenta e Operazione Colomba continua ora con il corso “Cucine in fermento”. Già al completo le iscrizioni per la prima lezione pratica di cucina marocchina, in programma domani sera. Restano ancora posti disponibili per le serate dedicate ad alcuni piatti della tradizione romagnola, siriana e senegalese. Il ricavato dell’iniziativa sarà destinato a sostegno dei progetti dei corridoi umanitari di Santarcangelo e San Vito.

 

Altre notizie
di Maurizio Ceccarini
VIDEO
Una storia di buona scuola

La spesa di Chiara

di Redazione
VIDEO
Notizie correlate
di Maurizio Ceccarini   
di Andrea Turchini   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna