lunedì 16 settembre 2019
menu
In foto: Il saluto iniziale
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 16 mar 2019 19:46
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Print Friendly, PDF & Email

CANTIANO-GABICCE GRADARA 3-2

IL TABELLINO
CANTIANO: Pifarotti, Matteo Luchetti, Fabrizio Angradi, Latini, Carletti Orsini, Filippo Angradi, Bucefalo, Virgili (dal 16′ st Tomassoni), Bernardini (dal 31′ st Lucertini, Simone Luchetti, Ciufoli (dal 16′ st Cossa). All. Luchetti.

GABICCE GRADARA: Celato, Freducci, Costa, Vaierani, Passeri, Sabattini, Bastianoni (dal 32′ st Grandicelli), Marcolini, Vegliò, Grassi (dal 38 st’ Tedesco), Fabbri. All. Papini.

ARBITRO: Bara di Macerata.

RETI: 14′ pt Costa (rig.), 16′ pt Ciufoli, 6′ st Fabbri, 8′ st’ Bucefalo, 18′ st Bernardini.

CRONACA E COMMENTO
Passo falso per il Gabicce Gradara nella dura trasferta di Cantiano: sconfitta per 3-2 dopo essere andato due volte in vantaggio (sbagliato il settimo rigore stagionale). Un momento no per la squadra di Papini che nelle ultime sette partite ha collezionato quattro pareggi e tre sconfitte: ora è stato agganciato al settimo posto dall’Osimana vincitrice sul Santa Veneranda per 2-1 e domenica prossima ospite sul terreno dello stadio Magi di Gabicce.

Al 14′ ospiti in vantaggio con Costa dal dischetto (fallo su Vegliò), dopo appena due minuti pareggio di Ciufoli sotto misura. Nuovo rigore per i ragazzi di Papini (fallo su Sabattini) nel finale di tempo, questa volta il portiere Pifarotti si oppone alla conclusione di Costa con Passeri che sulla ribattuta spedisce fuori a porta vuota.

Nella ripresa al 6′ nuovo vantaggio ospite con Fabbri lesto a raccogliere una corta respinta di Pifarotti e di nuovo dopo due minuti pareggio del Cantiano con una bella giocata di bomber Bucefalo (13esima marcatura stagionale), match winner nel match di andata al Magi: conclusione al volo di sinistro. La rete mette le ali alla squadra di casa che al 18′ a segno per la terza volta col giovane Bernardini che sfrutta una incertezza difensiva sul cross dal fondo a tagliare l’area.

IL DOPOGARA
“La squadra è stata protagonista di un bel primo tempo, purtroppo come già accaduto in altre partite – commenta il direttore sportivo Gabriele Magiè mancata la personalità, da un lato per tenere il doppio vantaggio e dall’altro per tenere testa all’avversario quando nella ripresa si è alzato il tono agonistico della partita. La nostra squadra deve imparare ad arrivare al risultato non solo col fioretto del gioco ma usando quando serve la spada adeguandosi al tema tattico della partita. È un peccato, stiamo buttando via punti preziosi e in questa maniera si vanificano i sacrifici della settimana”.

Notizie correlate
di Icaro Sport   
FOTO
di Icaro Sport   
di Icaro Sport   
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna