lunedì 21 gennaio 2019
In foto: Il sindaco Gnassi con alcuni bimbi
di Andrea Polazzi   
lettura: 3 minuti
lun 17 set 2018 16:43 ~ ultimo agg. 16:49
Print Friendly, PDF & Email
3 min
Print Friendly, PDF & Email

Quasi 558 mila alunni, 321 dirigenti scolastici, oltre 56mila insegnanti e 14.500 collaboratori scolastici, assistenti amministrativi e tecnici impegnati nel sistema regionale. Sono i numeri del ritorno in classe in Emilia Romagna.
La scuola è soprattutto fatta dalle persone – ha detto il presidente della Regione Bonaccini inaugurando l’elementare Verdi di Collecchio -, che la rendono un’istituzione fondamentale della nostra società e che ogni giorno operano insieme per garantire ai più giovani la possibilità di imparare, di crescere e di formarsi. Investire sulla scuola significa investire sul futuro, e le strutture che oggi abbiamo visitato dimostrano che si può imparare e insegnare in spazi sempre più belli, sicuri e confortevoli.

Gli alunni del comune di Rimini che oggi hanno iniziato le scuole sono complessivamente 22.792; 8.857 nelle scuole superiori, 3.652 alle medie, 3.405 alle materne (comprese statali e paritarie) e 1.045 ai nidi. Il Sindaco Andrea Gnassi e l’assessore ai servizi educativi Mattia Morolli hanno portato i saluti dell’amministrazione agli alunni e al personale dell’asilo nido Do Re Mi di via Euterpe, della scuola per l’infanzia la Rondine in via Pagliarani (Ina casa), della scuola elementare Primo maggio e della media Marvelli in via Covignano.
Le parole – ha detto il primo cittadino – non sono solo un suono ma hanno un senso, un significato, che è sempre bene conoscere e ricordare. L’invito è di fermarvi ogni tanto a riflettere su quel flusso continuo di parole che ogni giorno vanno e vengono sui vostri telefonini. Ci sono parole buone, che fanno crescere, e parole cattive, che dividono e fanno male, come quelle che usano i bulli per attaccare chi sentono diverso da loro. Bisogna saperle distinguere, le parole sono importanti, possono ferire o aiutare, far sorridere o piangere”. “Il consiglio che vi do per quest’anno – ha proseguito – è di fermarvi e di stilare una lista di parole belle. Vi aspetto a fine anno in Comune, per leggerle e commentarle insieme. La prima parola bella che inserisco io è “spalancare”, che è anche un invito ad aprirvi agli altri, alle culture e alle lingue diverse, ma partendo dai vostri vicini di banco, dai vostri amici e dai vostri compagni di classe”.

3.170 gli alunni e gli studenti che hanno varcato la soglia delle scuole di Santarcangelo: 124 i bambini dei nidi, 562 quelli che frequentano le scuole materne, 1.049 gli alunni delle scuole elementari, 827 gli iscritti alle scuole medie e 608 gli studenti dell’Itse Molari. Il sindaco Alice Parma e l’assessore ai Servizi educativi e scolastici, Pamela Fussi, hanno fatto visita a diverse scuole.

La Scuola è il cuore Sociale e Culturale del paese; che questo anno che inizia sia una bella esperienza per i nostri figli, per gli insegnanti e per le famiglie. La Scuola é tutti noi! Buon Anno scolastico!“. Sono state invece le parole del sindaco di San Giovanni in Marignano, Daniele Morelli.


Il saluto dell’assessore Regionale alle politiche educative

17 settembre 2018: il saluto agli studenti dell'assessore Bianchi

Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna