19 July 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

Dipendenti Centri per l’Impiego: perplessità sulla nuova sede

attualitàRimini

21 marzo 2018, 13:43

in foto: il centro di Rimini

Gli uffici di piazzale Bornaccini, attualmente occupati dal Centro per l’Impiego, dovrebbero cambiare occupanti tra fine aprile e primi di maggio quando è previsto il trasferimento di alcuni uffici della Questura. Ma i dipendenti del Centro per l’Impiego avanzano alcune perplessità su quella che dovrebbe diventare la loro nuova sede, un antico palazzo in via Farini (traversa di Corso d’Augusto). In una lettera aperta evidenziano infatti che si tratta di una zona a traffico limitato e con solo parcheggi a pagamento. “Presupponendo – scrivono –  che si tratti di un edificio in possesso delle certificazioni tecniche di igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ci poniamo il problema del rispetto degli standard di accessibilità. Siamo sicuri che l’impatto sulla mobilità nel centro storico sia stata considerata correttamente?” Un dubbio, spiegano, nato dalla conoscenza dell’entità di persone che da tutta la provincia usufruiscono dei servizi del Centro per l’Impiego e dalla consapevolezza che spesso si tratta di soggetti fragili e svantaggiati e che possono avere diverse forme e gradi di disabilità. “I dati – prosegue la lettera – che sono stati rilevati ufficialmente attraverso il sistema informativo lavoro, per l’anno 2017, indicano circa 19mila persone (di cui circa 4mila disabili ex L. 68/99), con un flusso di accesso annuale che si aggira intorno alle 40.000 unità. I dipendenti del Centro temono quindi che gli utenti possano trovare difficoltà di accesso alla nuova sede. I sindacati di categoria proprio oggi hanno chiesto  in proposito un incontro col sindaco Gnassi.


La lettera aperta dei dipendenti del Centro per l’Impiego

Si, sappiamo che nei pensieri e nelle parole di molte persone, come dipendenti pubblici, siamo dei fannulloni. In questo caso, però, ci stiamo preoccupando dei cittadini che usufruiscono dei servizi per il lavoro e, solo in piccola parte, di noi come lavoratori.
Negli ultimi giorni è stata formulata l’ipotesi di un imminente trasferimento di alcuni uffici della Questura nell’immobile di piazzale Bornaccini, dove sono posizionati gli uffici del Centro per l’impiego, che sembrano essere incompatibili con quelli della Questura. Di conseguenza, è diventato urgente reperire una nuova (o vecchia) sede per il Centro per l’impiego, che è stata identificata in un antico palazzo di via Farini (traversa di Corso d’Augusto), in zona traffico limitato con solo parcheggi a pagamento, in precedenza sede di una scuola. Presupponendo che si tratta di un edificio in possesso delle certificazioni tecniche di igiene, salute e sicurezza nei luoghi di lavoro ci poniamo il problema del rispetto degli standard di accessibilità.
Siamo sicuri che l’impatto sulla mobilità nel centro storico sia stata considerata correttamente? Chiediamo questo perché conosciamo l’entità (i numeri) delle persone residenti e non, che ogni anno si recano presso i Centri per l’impiego. Stiamo parlando di persone disoccupate, in molti casi fragili e svantaggiate, e che possono avere diverse forme e gradi di disabilità. Donne e uomini di ogni età e condizione, oltre che imprenditori e consulenti del lavoro. I dati che sono stati rilevati ufficialmente attraverso il sistema informativo lavoro, per l’anno 2017, indicano circa 19mila persone (di cui circa 4mila disabili ex L. 68/99), con un flusso di accesso annuale che si aggira intorno alle 40.000 unità.
Di conseguenza, la nostra attenzione è rivolta alle persone con disabilità, anche gravi, che potranno trovare solo difficoltà reali di accesso ai servizi.
In questi anni, proprio per la necessaria attenzione da rivolgere alle persone, la Provincia di Rimini e la Regione Emilia-Romagna hanno stabilito ed adeguato gli spazi destinati a questi singolari servizi a degli standard regionali, che riguardano: la sicurezza, la funzionalità, l’accessibilità e il rispetto della privacy, in particolare, per le persone che presentano delle disabilità (ex L.68/99).
La nostra quindi è soltanto una preoccupazione, rispetto alle esigenze delle persone che si rivolgono ai nostri servizi e rispetto alla salute e sicurezza di noi lavoratori, che vorremmo venissero chiarite e ci sembrerebbe corretto che tutta la cittadinanza ne venisse informata.
Abbiamo appena ricevuto un comunicato che i nostri Sindacati di Categoria, in piena condivisione con le Confederazioni Sindacali territoriali hanno richiesto, in data odierna, un incontro al Sindaco proprio su tale questione, tale necessità di “trasparenza” permane egualmente e pienamente.

I dipendenti del Centro per l’impiego.

Redazione Newsrimini

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454