Indietro
menu
Scuola Valconca

Nuova scuola a San Giovanni in Marignano, dal Governo 4 milioni di euro

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 26 nov 2017 12:19
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A San Giovanni in Marignano per il progetto della Scuola Innovativa, arriveranno dal Governo 4 milioni di euro, grazie agli stanziamenti previsti nella Legge sulla “Buona Scuola, e il primo classificato per la costruzione della nuova Scuola Primaria è il progettista Architetto Matteo Ascani.

La progettazione – commenta proprio Ascani – mira a realizzare un edificio di chiara impostazione moderna, che si rapporti però in modo deciso e armonico con il tessuto urbano, e che presenti caratteri architettonici tali da renderne immediatamente percepibile il carattere pubblico e la forza istituzionale dell’intervento. Il progetto è stato premiato anche per le soluzioni innovative in merito alla resistenza sismica. La nuova Scuola di San Giovanni in Marignano è un edificio che prevede aule speciali per laboratori, arte, musica, lingue e scienze, ma soprattutto una Biblioteca accessibile al pubblico, funzionale anche per ospitare eventi e piccole conferenze. Sono previsti spazi dedicati al gioco e alla socialità, perché il polo scolastico diventi un nuovo fulcro di San Giovanni in Marignano, con spazi e percorsi aperti a diverse iniziative della comunità locale.

Siamo veramente soddisfatti che il Comune e la Scuola abbiano ottenuto questo importante contributo – spiega la Dirigente Scolastica Anna Maria Sanchi perchè è un riconoscimento al lavoro che tutto il personale scolastico, docenti ed ATA, quotidianamente porta avanti con impegno costante e passione. L’I.C. di San Giovanni in Marignano, da anni è una scuola che continuamente si rinnova ed innova le sue risorse e le metodologie didattiche affinchè tutti gli alunni possano sviluppare, al meglio, le proprie capacità e competenze. Tra le molteplici attività, ci piace ricordarne alcune che, probabilmente hanno influito per l’identificazione del nostro istituto quale scuola innovativa: da anni tutte le classi ed i laboratori sono dotati di LIM e proprio in questi giorni vengono installate anche nei plessi di scuola dell’infanzia; nella scuola secondaria 1°, da tre anni vi è stata una “rivoluzione” pedagogica, si utilizza la didattica per ambienti di apprendimento, dove le aule diventano delle “isole” disciplinari, e gli alunni si spostano tra queste isole, a seconda della disciplina che devono seguire; nella scuola primaria si stanno attivando i percorsi di Scuola senza Zaino, una modalità di fare scuola chi si richiama al metodo Montessoriano, un metodo attivo, che vede coinvolti gli alunni come protagonisti diretti del loro apprendimento ed in ultimo possiamo ricordare l’Orto Didattico, un elemento importante che permette di avvicinare gli alunni al “fare” reale, il fare con le mani. Queste sono solo alcune attività che sicuramente con la realizzazione del nuovo edificio, grazie a nuovi spazi, potranno sviluppare al massimo le potenzialità di ciascuno.

La Costruzione della nuova scuola – conclude il sindaco Daniele Morelli è stato fin da subito uno dei progetti più ambiziosi e sentiti da parte dell’Amministrazione e stiamo seguendo passo a passo la procedura prevista dalla Legge, impegnandoci fin da subito nell’essere pronti e preparati ad ogni passaggio fino alla realizzazione dell’opera. In tantissimi anni non si è mai visto un finanziamento statale di questa portata sul nostro territorioIl nuovo modello di Scuola la renderà centro della cultura e della condivisione sociale di tutto il nostro paese, un punto di riferimento e di partenza per i principi e i valori fondamentali della nostra comunità.”

Mercoledì scorso il sindaco accompagnato dalla vicesindaco Michela Bertuccioli, dall’assessore ai Lavori Pubblici Gianluca Vagnini e dalla Dirigente dell’Istituito Comprensivo Statale di San Giovanni, Anna Sanchi, si sono recati a Roma per partecipare alla “Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole”. In questa occasione è stata inaugurata alla presenza del Ministero dell’Istruzione Valeria Fedeli la mostra dei 50 progetti vincitori del concorso Scuole Innovative, promosso dal Miur, con la premiazione dei primi 3 progetti classificati per ogni Comune. Sono stati ben 1238 i progetti valutati dalla commissione, tutti elaborati in una logica che ha integrato innovazione ingegneristica ed architettonica mettendola a servizio della didattica e della crescita di comunità.

Notizie correlate
di Redazione