Indietro
menu
Economia Provincia

Nuovo appello di Cna sull'Imu ai sindaci: 'aliquota differenziata su commerciale

di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 ott 2012 15:58 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“C’è ancora tempo affinché si intervenga differenziando l’aliquota dell’IMU sugli immobili commerciali utilizzati per l’esercizio d’impresa, non produttivi di rendita fondiaria, tassando al minimo dell’aliquota e recuperando l’eventuale differenziale da quelli produttivi di rendita fondiaria” scrive il direttore.

CNA Rimini fece questa richiesta fin dalla predisposizione dei bilancio preventivi,in tutti i comuni della provincia: fu accolta solo da Riccione.

“Oggi non ci sono più alibi, è possibile differenziare l’aliquota IMU in base all’art. 13. comma 9 del D.L. 201 del 2011, definitivamente chiarito con l’ultima circolare ministeriale” scrive Bugli, sottolineando che i sindaci non possono più fare appello all’incertezza normativa.
“Oggi è ancora più chiaro il quadro del gettito dopo l’esito della prima rata, e dopo il consuntivo del gettito sulla prima rata è possibile fare una precisa previsione sul 2012, analizzando il risultato per categoria e tipologia d’immobile, basta volerlo fare”.
“Facciamo appello a tutte le forze politiche rappresentate ed a tutti i gruppi consiliari perché si renda finalmente conto di come questa imposta inciderà sui contribuenti, e si intervenga entro il 31 ottobre”.

Ciò, secondo l’associazione, consentirà di aiutare le imprese già dal 2012, e di programmare già da adesso gli indirizzi per le scelte del 2013.

Altre notizie
Attualità Rimini

di Redazione
FOTO