sabato 19 gennaio 2019
di    
lettura: 1 minuto
lun 18 giu 2012 13:20 ~ ultimo agg. 00:00
Print Friendly, PDF & Email
1 minuto
Print Friendly, PDF & Email

Nello specifico a Rimini la previsione è di tagliare 22 zone e 29 portalettere.
“E’ una vera strage – sottolineano CISL SPL, CGIL SLC e UIL Poste in una nota congiunta – sia in termini occupazionali sia sociali, con alcune realtà montane che resteranno di fatto isolate, rischiando di creare cittadini e imprese di “serie B” nelle aree meno sviluppate della regione. Una razionalizzazione per contenere i costi era nell’aria, ma non ci aspettavamo certo un’ecatombe di questo tipo.. Quello che non possiamo tollerare è che il progetto di riorganizzazione sia stato completamente “calato dall’alto”, studiato a tavolino, basato esclusivamente su costi e ricavi, senza coinvolgere minimamente le istituzioni locali, né tantomeno le forze sociali. In definitiva non si è minimamente considerato che Poste Italiane è pur sempre un’azienda di servizi a totale capitale dello Stato e come tale non può non rendere conto ai cittadini dei servizi erogati”.

Altre notizie
di Simona Mulazzani
di Redazione
Notizie correlate
di Andrea Polazzi
VIDEO
di Redazione
VIDEO
Meteo Rimini
Previsioni Emilia Romagna