Indietro
menu
Provincia Turismo

La provincia conferma contributi per il turismo dell'Alta Valmarecchia

In foto: La Provincia di Rimini ha confermato i contributi per il finanziamento dei servizi di informazione ed accoglienza turistica dei comuni dell’Alta Valmarecchia.
di    
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 22 nov 2010 11:08 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Tra gli eventi a cui sono giunti contributi ci sono il Festival degli artisti di strada di Pennabilli, Alchimia Alchimie a San Leo, il Paese del Natale e la Fiera Nazionale del tartufo di Sant’Agata Feltria e l’Ambra di Talamello.

La nota stampa

Nei giorni scorsi sono stati confermati da parte della Provincia di Rimini i contributi per il finanziamento dei servizi di informazione ed accoglienza turistica dei nuovi 7 Comuni dell’Alta Valmarecchia. Come promesso nei mesi passati, il lavoro svolto d’intesa con l’Assessorato regionale al turismo, ha consentito di ottenere quelle risorse economiche necessarie per sostenere le attività turistiche svolte nel 2010, così come già avvenuto per tutti gli altri Comuni della Provincia: gli uffici di informazione turistica di San Leo, Pennabilli e Novafeltria, gli eventi e le manifestazioni che rappresentano una componente fondamentale di arricchimento dell’offerta turistica di tutto il distretto riminese, il Festival degli artisti di strada e la Mostra mercato nazionale dell’antiquariato di Pennabilli, Alchimia Alchimie a San Leo, il Paese del Natale e la Fiera Nazionale del tartufo di Sant’Agata Feltria, l’Ambra di Talamello, solo per citarne alcuni.

A sei mesi dall’adozione del protocollo d’intesa per la valorizzazione turistica dell’entroterra come prodotto turistico autonomo, presentato lo scorso 28 maggio a San Giovanni in Marignano, questa è l’occasione per fare il punto della situazione e valutare lo stato dell’arte sugli impegni assunti in tale direzione dalla Provincia di Rimini.

Sul tema del marketing interno, cioè dell’obiettivo strategico di informare, formare e motivare tutti gli operatori turistici locali, pubblici e privati, gli addetti alle informazioni degli uffici IAT/UIT, gli addetti stampa ed i collaboratori delle amministrazioni locali, il mondo imprenditoriale e turistico locale, sulle opportunità e sulle ricchezze del nuovo prodotto turistico “Malatesta & Montefeltro”, si è svolto lo scorso 16 novembre la prima tappa, dedicata alle realtà di Saludecio, Mondaino e Montegridolfo, del programma organizzato dall’Assessorato provinciale al turismo di 9 giornate di formazione sul campo degli “operatori pubblici locali” che, da novembre 2010 a maggio 2011, toccheranno tutti e 22 i Comuni del nostro entroterra. A questa prima giornata di formazione nella Valconca hanno partecipato più di 30 persone, tra addetti degli uffici di informazione turistica di tutta la Provincia e operatori degli uffici stampa delle varie amministrazioni locali, Convention Bureau, Aeroporto di Rimini, Il Programma proseguirà con il secondo appuntamento, che riguarderà Santarcangelo di Romagna, Poggio Berni e Torriana, il prossimo 14 dicembre. Tale iniziativa fa seguito ad altri 2 appuntamenti organizzati con successo dal Comune di Rimini la scorsa primavera dedicati ai segni della romanità e alla valorizzazione della conoscenza di Rimini quale città d’arte e di storia

Parallelamente, è stato avviato un percorso analogo per la formazione degli operatori privati, alberghieri in particolare: il prossimo inverno, da gennaio a marzo 2011, verranno realizzate, in collaborazione tra Provincia di Rimini e Associazioni albergatori dei vari Comuni, 4 momenti formativi in aula, tenuti da esperti, finalizzati all’approfondimento di specifici argomenti trasversali del prodotto “Malatesta & Montefeltro”, dai castelli e musei all’ enogastronomia, dagli gli eventi del territorio ai percorsi naturalistici. Al lavoro in aula, si accompagneranno giornate di formazione direttamente sul campo. L’obiettivo è quello di concretizzare e tradurre tale attività nella messa a disposizione dei nostri operatori privati di strumenti di conoscenza utili per il proprio lavoro.