Indietro
menu
Cronaca Provincia

Operazione antidroga Champagne. I primi interrogatori

In foto: Prosegue l'operazione antidroga 'Champagne' della Squadra Mobile di Rimini, che negli ultimi giorni ha condotto in carcere 11 persone e che ieri ha fatto scattare le manette ai polsi di altri due indagati:
di    
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 16 gen 2008 17:34 ~ ultimo agg. 00:00
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

il sammarinese Nevio De Angelis e l’albanese Altistin Precetaj, ricercati insieme ad altri due stranieri che sono ancora latitanti. Oggi in Procura a Rimini i primi interrogatori: tutti gli inquisiti hanno negato gli addebiti, ovvero quell’importante traffico di droga (circa tre chili al mese provenienti dall’ Olanda) che, secondo la Questura, vedeva protagonista una banda mista di albanesi e italiani fra cui anche Fabrizio Gennarelli, socio nella società che gestiva la discoteca ‘Prince’ di Riccione, da tempo in liquidazione. Secondo il suo legale, Fabrizio Marini di Ancona, Gennarelli avrebbe negato ogni addebito “e chiarito le questioni che potevano sembrare sospette, episodi che per gli inquirenti apparivano criminosi. In realtà – ha aggiunto l’avvocato – il suo rapporto con gli albanesi finiti nell’inchiesta era di clientela e di amicizia. Frequentavano il suo locale e inoltre le mogli sia di Gennarelli che di due degli albanesi arrestati (Elvis Baroti e Jazin Cekerku) erano tutte di nazionalità romena e amiche fra loro”. “Peraltro Cekerku e Baroti – ha sottolineato ancora il legale – svolgevano un’attività di compravendita di auto per la quale avevano un regolare permesso di soggiorno. Poi, se alle loro conversazioni intercettate, in cui parlano di merce varia, si vuole sempre dare il significato di cocaina…”. Marini ha chiesto per il suo assistito, già agli arresti domiciliari, la scarcerazione. (Ansa)

Notizie correlate
di Redazione   
di Andrea Polazzi   
VIDEO