20 novembre 2018

Hai visto il nuovo menu? Qui trovi i temi forti e le località!

La storia della spiaggia in una galleria virtuale: apre ‘balnea.net’

Rimini

1 agosto 2004, 12:15

in foto: Un viaggio virtuale attraverso dipinti, affiche, fotografie e reperti d’epoca, tra gli stabilimenti balneari dall’Europa all’Australia, dal Mare del Nord fino alla riviera romagnola, attraverso due secoli di storia del turismo. È la proposta del sito balnea museum.net:

il museo virtuale é realizzato in collaborazione con gli assessorati alla Cultura e al Turismo del Comune di Rimini, ora on line.
La Rimini estiva di oggi, con i bagnini sul pattino che sfoggiano i muscoli e le bellezze al bagno che fanno le indifferenti, non è poi così diversa da quella di 160 anni fa. Almeno per alcuni aspetti.

Era il 1 luglio 1843 quando il conte Ruggero Baldini insieme al fratello Alessandro, e a Claudio Tintori, fondarono il primo stabilimento balneare riminese. Da allora la Riviera è diventata la capitale delle vacanze per antonomasia, anche se l’inventore della civiltà balneare è inglese. Tal Richard Russel, medico londinese, scrittore di un trattato in cui dimostrava i benefici effetti dell’acqua di mare sul fisico e fondatore nel 1750, sulla spiaggia di Brighton, del primo stabilimento balneare della storia.
Il sito balnea Museum. Net è un vero e proprio museo che attraverso 12 gallerie e 120 sale virtuali mette in mostra 3.600 immagini a tema balnearvacanziero per documentare la storia del turismo balneare: dall’Europa all’Australia, dalle Americhe ai mari del nord, fino alla riviera romagnola.

Tra le chicche la foto del primo bagno riminese, lo Stabilimento Tintori-Baldini, Benito Mussolini, immortalato durante le sue vacanze a Riccione. A Rimini è dedicata una galleria con 25 sale e 500 opere in un percorso che si snoda tra personaggi, avvenimenti, luoghi; dalle incisioni “preistoriche”, fino all’affiche di Milo Manara per la stagione 2004. Nella sezione “Tipi da spiaggia” in primo piano i bagnini, celebri o anonimi, Baywatches e mosconai. E non manca neppure la sfilata di 300 bellezze al bagno in costume, che non si può fare a meno di confrontare con le miss dei giorni nostri: chissà come avrebbero reagito le reginette dell’adriatico del 1928 alla vista dei bikini minimali indossati dalle lolite di oggi?
Ascoltiamo Ferruccio Farina, realizzatore del Balneamuseum.net.

Contatta la Redazione di Newsrimini tramite redazione@newsrimini.it o su Twitter @newsrimini

© Riproduzione riservata

Rimani aggiornato!

Iscriviti alla newsletter giornaliera

Sottoscrivi i nostri Feed

Dati Societari | Privacy | Redazione | Pubblicità | Cookies Policy

© Newsrimini.it 2014. Tutti i diritti sono riservati. Newsrimini.it è una testata registrata Reg. presso il tribunale di Rimini n.7/2003 del 07/05/2003,
P.IVA 01310450406
“newsrimini.it” è un marchio depositato con n° RN2013C000454