Indietro
lunedì 24 giugno 2024
menu
Finanziato dall'Unione Europea
Le opinioni espresse sono tuttavia solo quelle degli autori e non riflettono necessariamente quelle dell'Unione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità concedente possono essere ritenuti responsabili per loro.
Programma nazionale Feampa

Pesca green e volano per il turismo, Rimini delinea un piano di sviluppo

In foto: pescherecci a Rimini
pescherecci a Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 2 set 2023 17:41 ~ ultimo agg. 6 set 10:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Un piano per uno sviluppo sostenibile di pesca e acquacoltura della costa riminese puntando alla crescita della filiera ittica, ma anche di quella turistica e culturale. Ci lavora il Comune di Rimini che ha preparato una proposta, nell’ambito del Programma nazionale Feampa 2021-2027 e con la costruzione di un nuovo Gruppo di azione locale (Gal) pesca e acquacoltura costa dell’Emilia-Romagna, e che sarà presentata il 7 settembre nella sala del Consiglio comunale in un incontro pubblico.

Pesca green, Rimini delinea un piano di sviluppo

Tra le azioni in programma, la migliore accessibilità nell’area portuale, il potenziamento delle infrastrutture a servizio della pesca, analisi per migliorare l’uso del porto canale col potenziamento degli ormeggi e degli spazi per i pescatori. E ancora ammodernamento del lavoro al mercato ittico e della flotta di pescherecci per avere più sicurezza a bordo e ridurre il consumo di energia, progetti di ricerca, di monitoraggio e di promozione delle specie aliene a scopo alimentare, sensibilizzazione sulle produzioni a km 0 e sulla bontà delle specie ittiche locali. E infine la realizzazione di eventi, percorsi turistico-culturali e strategie in materia di economia blu sostenibile. “Nella nuova visione dello sviluppo urbano di Rimini al 2030, il mare, da semplice sfondo, è tornato ad essere presenza centrale, fattore di sviluppo e innovazione per il settore dell’impresa e di una rinnovata identità e attrattività anche in chiave turistica”, spiega l’assessora comunale alla Transizione ecologica, Anna Montini. I progetti sulla “riscoperta” della centralità della fascia costiera e del mare in questi anni sono stati sia il Piano di salvaguardia della balneazione ottimizzato (Psbo) sia il progetto del Parco del Mare, aggiunge.

L’assessore ricorda poi che la Marineria riminese conta 76 motopescherecci e dà occupazione a 330 marittimi. E che a Rimini c’è il progetto per il Centro servizi polivalente per la pesca e l’acquacoltura italiana. “La strategia di sviluppo locale di tipo partecipativo delineata sulla base del programma nazionale Feampa 2021-2027- conclude Montini- concorre a una trasformazione urbana che vede nel mare e nelle sue professioni una chiave di sviluppo imprescindibile, sia per creare nuove opportunità occupazionali nel settore della pesca e dell’acquacoltura sia per migliorarlo, facendo leva sulla sostenibilità ambientale, sul ricambio generazionale, sulle start up, sulla formazione e sull’inclusione sociale”.

DELTA 2000 ha avuto il mandato dal partenariato dell’attuale FLAG di definire la strategia di sviluppo, indentificare i bisogni, e individuare priorità e azioni che potranno essere attuate in futuro favore di imprese della pesca e acquacoltura, di enti pubblici, di enti di ricerca e dei soggetti ammissibili al Fondo Europeo per gli Affari Marittimi,  la Pesca e l’Acquacoltura (FEAMPA) per il periodo 2021-2027.

Il processo di definizione della strategia si basa su tre componenti fondamentali: Partenariato, Area e Strategia. Il Partenariato dell’attuale FLAG Costa dell’Emilia-Romagna ha espresso soddisfazione per i risultati ottenuti in questa programmazione 2014-2020 con oltre 140 progetti finanziati nel territorio della Costa dell’Emilia-Romagna. Tutte le marinerie della Costa hanno confermato il proprio interesse a proseguire l’esperienza del Gruppo di azione locale da un lato per rafforzare legami, esperienze e conoscente maturate nella gestione precedente e dall’altro per cogliere le nuove sfide poste dall’Unione Europea e sviluppare azioni che diano risposte ai fabbisogni locali degli operatori ittici e delle marinerie della nostra Costa: Goro, Comacchio, Marina di Ravenna, Cervia, Cesenatico, Bellaria, Rimini, Riccione, Misano, Cattolica.

Dopo i primi appuntamenti  a Goro e Comacchio, sono in programma diversi incontri nel riminese: domani, martedì 5 settembre (alle ore 11.00 alla Casa del Pescatore, Via E. Toti n. 2, Cattolica;  alle 15.30 a Villa Lodi Fè, Viale delle Magnolie n. 1 a Riccione); mercoledì 6 settembre alle  11.00 alla Sala Consigliare, I piano del Comune di Bellaria-Igea Marina in Piazza del Popolo n. 1.; giovedì 7 settembre 2023 alle 16.00 a Rimini nella Sala Consiliare Palazzo ex Aquila D’Oro Comune di Rimini, Piazza Cavour n. 27.

A Rimini, inoltre,  all’incontro partecipativo seguirà un Focus Group sul settore della Pesca con il supporto tecnico di M.A.R.E S.c.a.r.l. Centro di ricerca per la pesca e l’acquacoltura coordinato dall’esperto Giuseppe Prioli.