Indietro
lunedì 17 giugno 2024
menu
Calcio Promozione

Capitan Quaranta: "La Sampierana si rilancerà, deve trovare il giusto assetto"

In foto: Nicola Quaranta (in maglia bianca) in azione
Nicola Quaranta (in maglia bianca) in azione
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 set 2023 01:12 ~ ultimo agg. 08:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La deludente partenza in campionato della Sampierana (4 punti in 4 partite di cui nessuno in casa, -6 dalla vetta, 9 gol subiti), accreditata come la più autorevole candidata alla vittoria finale non scalfisce la fiducia di capitan Nicola Quaranta, classe 1987, il veterano della squadra.

Capitan Quaranta, che cosa succede alla Sampierana?
“Dobbiamo ancora trovare il giusto equilibrio di squadra. C’è stata le partenza di un leader in difesa come Giovanni Rossi che non è stato sostituito perché Tisselli se ne è andato subito; contemporaneamente è stato assente Canali per infortunio e nel ruolo è stato adattato un altro giocatore; è partito Corzani e a centrocampo il nuovo arrivo Conficoni è disponibile da poco. Con gli altri nuovi arrivati, inoltre, la squadra ha assunto caratteristiche diverse dalla Sampierana 2022-2023 che aggrediva alta e quindi stiamo lavorando per trovare la migliore strategia tattica per evitare gli uno contro uno a difesa schierata . A tutto questo va aggiunto che abbiamo commesso degli errori individuali, che poi sono lo specchio della squadra, e quindi va alzata l’asticella dell’attenzione. Ci siamo confrontati nello spogliatoio con il mister, la fiducia è reciproca: sicuramente cambieremo qualcosa, siamo convinti che riusciremo a trovare i giusti automatismi”.

La vetta è lontana sei punti, avete molte squadre davanti…
“Alla quarta giornata non guarderei la classifica, ne restano 30 di partite, dobbiamo piuttosto trovare la quadra nell’assetto tattico, fare sì che gli interpreti rendano al meglio nel contesto in cui si trovano. Questo è il nostro obiettivo primario”.

Forse si è sopravvalutato il potenziale della Sampierana e si sconta un peccato di presunzione?
“La squadra è forte, la rosa lunga e di qualità, lo staff tecnico competente: troveremo il modo per tornare vincenti. Presunzione? Assolutamente no. Piuttosto su di noi grava la pressione di dover vincere”.

Sabato in anticipo (ore 15) siete in trasferta contro il Classe che ha sette punti e il vostro stesso numero di reti subite, nove.
“Una partita insidiosa per il valore dell’avversario che è retrocesso dall’Eccellenza, che gioca su un terreno di gioco dove è difficile esprimere del bel calcio. Mi aspetto una battaglia. Per prima cosa, al contrario di quanto accaduto nelle prime quattro giornate, non dobbiamo subire gol, poi davanti abbiamo una qualità tale per cui troveremo il modo di andare a segno”.