Indietro
sabato 18 maggio 2024
menu
Calcio Seconda Categoria

Rimini United ad un passo dal suo traguardo, San Patrignano da battere

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 14 apr 2023 15:21
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Rimini United è ad un passo dal suo traguardo. Battendo nell’ultimo turno il San Patrignano, domenica stadio Bani di Viserba, ore 15,30, approderebbe direttamente in finale playoff contro una delle tre avversarie che si giocano il terzo e il quarto posto e quindi a fine mese la semifinale playoff (Real San Clemente, Villa Verucchio e San Bartolo).

“L’imperativo è vincere, abbiamo solo un risultato a disposizione – esclama il direttore sportivo Federico Trivulziol’ho ribadito ai giocatori anche se non ce n’era bisogno perché essi sono i primi a voler evitare una partita rischiosa e giocarsi tutto nella finale, una sfida secca (7 maggio a Viserba), in cui dopo i 90 minuti e i supplementari abbiamo due risultati su tre a disposizione in virtù della migliore classifica in stagione regolare”.

Quali sono i rischi di questa partita? All’andata vinceste 6-3…

“Il San Patrignano è penultimo ma ha ancora la possibilità di andare ai playout vincendo contro di noi e confidando nella sconfitta del River Delfini che ora è al terzultimo posto a +9 sui rivali. Il San Patrignano si gioca tutto, avrà tanta rabbia e dunque servirà il massimo della concentrazione. Non mi sfiora nemmeno il pensiero che il Rimini United possa prendere sottogamba l’avversario. La sosta pasquale è stata utile a recuperare tutti gli infortunati e farci lavorare finalmente al completo”.

Chi vorrebbe evitare in finale?

“Sono tutti avversari pericolosi, in campionato abbiamo perso negli scontri diretti due partite, a parte quella di ritorno contro il Villa Verucchio. Forse la formazione più insidiosa è il Real San Clemente: ci batté in finale anche la scorsa stagione e d’altro canto affrontarla sarebbe stimolante e per noi una rivincita. Arrivare alla finale vorrebbe dire ripetersi a distanza di dodici mesi, ma con una squadra mediamente più giovane”.

Che succederà alla vincente della finale playoff?

“Affronterà in campo neutro un’altra finalista regionale assegnata da un sorteggio: chi vince sarà promosso in Prima, ma pare che anche vincendo solo il playoff del girone si possa salire di categoria in virtù di alcuni parametri quali i numeri del settore giovanile, la vita trentennale del club, l’impianto omologato per l’Eccellenza, che pongono il Rimini United in rampa di lancio”.

A proposito di settore giovanile, ci sono novità per la prossima stagione?

“A breve annunceremo un accordo con un importante club di categoria superiore del territorio per potenziare l’attività giovanile e sfruttare strutture che a noi mancano”.