Indietro
menu
Si lavora alla summer

Aeroporto, prime novità dal Fellini per l'estate 2023

In foto: l'aeroporto di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mer 16 nov 2022 11:26 ~ ultimo agg. 17 nov 10:55
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le compagnie aeree iniziano a definire i collegamenti in vista della summer 2023 e arrivano notizie incoraggianti per l’aeroporto Fellini. Ryanair ha deciso di aumentare i voli da Rimini verso Londra che passano da due a tre alla settimana: scatteranno dal 27 marzo e saranno il lunedì, mercoledì e venerdì. Già acquistabili sul sito della compagnia irlandese anche i biglietti per Cagliari, Vienna, Varsavia e Kaunas, tutti con due collegamenti settimanali da marzo a ottobre. Per la località lituana si tratta di un raddoppio rispetto alla stagione appena conclusa. Ci sono poi anche Budapest e Palermo (al momento in fase di precaricamento sulla app) con tre frequenze a settimana: per il capoluogo siciliano un volo settimanale in più mentre per la capitale ungherese si tratta di un lieve ridimensionamento. Nell’estate 2022 Budapest aveva infatti 5 voli settimanali ed è stato il collegamento col maggior numero di passeggeri per Rimini. Manca all’appello ancora Cracovia, ma l’inserimento dovrebbe arrivare presto. Con queste frequenze RyanAir potrebbe già arrivare, da sola, a circa 170mila passeggeri. Si muove qualcosa anche sul fronte Wizzair che, dopo l’esordio al Fellini di quest’anno, nel 2023 aumenterà da due a tre le frequenze settimanali estive per Tirana, che insieme a Bucarest è l’unico collegamento annuale ancora operativo dall’aeroporto riminese. Non si escludono poi nuove tratte. Da maggio a settembre confermato anche il doppio volo settimanale di Luxair per il Lussemburgo. Fin qui, le certezze. AiRiminum continua però a lavorare a testa bassa sia con le compagnie già contrattualizzate, per intercettare nuove rotte, sia cercando nuove low cost per ampliare l’offerta. La prossima estate potrebbe essere quella del ritorno della Germania ma non solo. Dopo i 220mila passeggeri con i quali lo scalo chiuderà il 2022, l’obiettivo del 2023 è quello di superare i 400mila. Sarebbe il record da quando AiRiminum ha iniziato a gestire lo scalo.