Indietro
menu
progetto sperimentale

Dal distretto socio-sanitario di Rimini un piano di contrasto a disuguaglianze di salute

In foto: Kristian Gianfreda
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 20 ott 2022 14:26
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Intervenire in quelle situazioni dove le condizioni economiche della persona incidono in maniera impattante sulla possibilità di accesso alle cure specialistiche del sistema sanitario. Questo l’obiettivo del “piano distrettuale di contrasto alle disuguaglianze di salute”, un progetto presentato dal presidente del distretto sanitario di Rimini, l’assessore Kristian Gianfreda, al tavolo del comitato e che vuole favorire la riduzione delle disparità nella prospettiva di un’assistenza sanitaria di eccellenza “per tutti”, accessibile a prescindere dalla condizione economica e sociale in cui versa il paziente.

E’ un percorso sperimentale – spiega l’assessore alla protezione sociale del Comune di Rimini Kristian Gianfredanato da un incontro con il direttore generale dell’azienda sanitaria Tiziano Carradori, che ha colto la sensibilità della nostra Amministrazione sul tema dell’equità e del diritto alla salute, individuando in Rimini il territorio più adatto ad avviare questo innovativo e molto coraggioso progetto. Il ‘piano distrettuale di contrasto alle disuguaglianze di salute’ si propone di andare a definire quadro di interventi per offrire maggiori opportunità a chi versa in condizioni economiche critiche di avere cure adeguate in quegli ambiti specialistici dove la maggiore disponibilità di risorse incide in maniera importante nella possibilità di accedere ai servizi. Vogliamo cioè promuovere un percorso di sviluppo dell’organizzazione istituzionale in chiave di primary health care, un’assistenza sanitaria sempre più accessibile, partendo dalla consapevolezza di poter vantare sul nostro territorio servizi di comprovata eccellenza. Un Piano che andrà ad integrarsi con gli altri percorsi socio sanitari in atto che andranno a ridisegnare il comparto, come Salute unica (One Health), le Case di Comunità e il piano di prevenzione”.

Perseguiamo un’ideale alto, con strumenti concreti che abbiamo già individuato – prosegue l’assessore – il primo passo da compiere sarà l’individuazione delle ‘aree di diseguaglianza’, gli ambiti quindi maggiormente sensibili, come può essere ad esempio il settore delle malattie mentali o quello delle malattie croniche. Oppure un settore particolare come quello dell’ortodonzia”.

Il lavoro vede il coinvolgimento attivo di tutti i comuni del Distretto e sarà supportato da un gruppo di indirizzo che svolgerà le funzioni di regia, coordinamento delle attività di progettazione dei vari settori, monitoraggio del Piano e da un Comitato scientifico per garantire la coerenza delle azioni messe in campo con gli obiettivi perseguiti.

E’ quindi un Piano di ‘democrazia sanitaria’ di grande respiro e dalle grandi potenzialità anche in termini di promozione della prevenzione – conclude l’assessore Gianfreda – soprattutto in questa particolare fase storica ed economica nella quale in Italia assistiamo ad un impoverimento della popolazione e dove aumenta il divario tra chi ha disponibilità di risorse e chi no. Ringrazio Carradori per aver creduto in questo progetto: ci attende una grande sfida”.