Indietro
menu
il progetto di fattibilità

Metromare stazione-fiera, il tracciato bis. 7 fermate, due terzi doppia corsia

In foto: la planimetria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 19 set 2022 16:29 ~ ultimo agg. 20 set 15:07
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

La Giunta Comunale di Rimini ha approvato nei giorni scorsi il progetto di fattibilità tecnica ed economica per la realizzazione della seconda tratta del Metromare, che collegherà la stazione ferroviaria di Rimini al quartiere fieristico. Si tratta come noto di una soluzione progettuale alternativa rispetto a quella individuata nel 2018. La variante, che risponde alle esigenze dettate dallo spostamento della partita dei finanziamenti nell’ambito del PNRR, impone di procedere con l’aggiudicazione dei lavori entro il 2023 e di completare dell’intervento entro il 2026

La nuova soluzione prevede un tracciato in affiancamento alla linea ferroviaria Bologna – Ancona, in sede propria protetta. Per due terzi sarà su tracciato a doppia corsia, per un terzo (zona stazione e San Giuliano) su una corsia. La precedente soluzione prevedeva invece che il tracciato dalla stazione seguisse poi viale Matteotti, via XXIII Settembre e via Emilia.

Questo è quanto prevede il progetto di fattibilità approvato: molti aspetti potranno essere meglio definiti nel percorso che porterà al progetto definitivo e a quello esecutivo. Il capolinea è alla stazione di Rimini. La prima fermata in direzione fiera, dopo 350 metri, è “Principe Amedeo”, poco prima del sottopasso per il grattacielo. Dopo poco più di un chilometro la seconda fermata, “San Giuliano” all’altezza dei campi da calcio e di via Caruso. Dopo circa 1,7 chilometri la fermata “Rivabella”, subito dopo il Marecchia all’altezza di via Labriola. Qui il tracciato passa da una a due vie di corsa. Dopo 2,38 chilometri la fermata Celle all’altezza del cimitero civico. Poco prima, all’altezza della pista ciclistica Masinelli, è previsto uno spiazzo con una rotatoria che permette l’uscita dei mezzi (come avviene nella fermata Toscanini nel tratto del metromare a Rimini sud). Dopo 2,62 chilometri la fermata “Popilia” vicino al sottopasso di via Iolanda Cappelli: la fermata, che cade in un’area poco urbanizzata, sarebbe collegata alla via Emilia con un marciapiede; a 3,64 km la fermata “Fiera est” e dopo 4,06 chilometri il capolinea alla Fiera.

L’opera comporterà la costruzione di nuovi ponti e il prolungamento di sottopassi. Come per il tratto Rimini-Riccione, le stazioni saranno accompagnate da progetti di riqualificazione delle aree interessate.

Terminata la fase dell’istruttoria per il bando e la progettazione esecutiva, la durata dei lavori è prevista in 30 mesi. Altri 180 giorni sono poi previsti per il collaudo tecnico ed amministrativo. Il quadro economico della nuova soluzione è di 48milioni 972mila euro, in linea quindi con il finanziamento già decretato dal Ministero nel 2021 ma che ora si sposta nella partita del PNRR.

Le stime sulle due ipotesi di tracciato (dalla relazione trasportistica)